Dopo il completamento della prima e seconda parte dei lavori di ampliamento della Casa di riposo comunale «San Gaetano» e la messa in realizzazione del terzo stralcio, la giunta guarda ora alla possibilità di un ulteriore utilizzo del vecchio edificio che costituisce il nucleo originario della struttura che accoglie gli anziani di Crespino.
Con i lavori di ristrutturazione, riqualificazione energetica e messa in sicurezza della parte dismessa della casa di riposo, l’esecutivo municipale punta a recuperare spazi da adibire a servizi complementari per gli ospiti dell’istituto.
Per questo la giunta ha approvato di recente il progetto dell’ing. Massimo Bordin di San Bellino, redatto senza spesa per l’Amministrazione, necessario per reperire le risorse necessarie per la realizzazione di lavori per un completo riutilizzo di tutti i fabbricati e gli spazi della struttura assistenziale e portare a definitivo compimento gli interventi già avviati.
Con l’adozione della progettazione si è così avviato l’iter per la richiesta dei contributi previsti dal decreto Sblocca Italia, che nel programma «Nuovi progetti di interventi» riserva fondi per progetti di questo tenore. Nel prospetto di spesa è previsto un investimento complessivo di 399.110 euro, ripartiti in 310.000 euro per lavori a base d’asta e 89.110 euro le somme a disposizione dell’Amministrazione.