Quotidiano Sanità
20 gennaio

Annuncia la sua presenza alla manifestazione anche il consigliere di Noi a Sinistra per la Puglia Cosimo Borraccino. Che spiega: “Nell’ospedale, nel 2015, si contano 560 nascite, 800 interventi e 21.000 accessi al PS. Numeri che, se dovessero sommarsi a quelli del presidio ospedaliero centrale del Ss Annunziata, rischierebbero di paralizzare il servizio sanitario ionico”.

“Richiedere la salvaguardia del presidio di Grottaglie, infatti, non è un gesto campanilistico, ma un atto indispensabile per preservare il diritto alle cure ospedaliere e alla salute della nostra cittadinanza”. Ad affermarlo, in una nota, è il consigliere di Noi a Sinistra per la Puglia Cosimo Borraccino, annunciando la sua partecipazione al siti in programma sabato per la difesa dell’ospedale San Marco. “Tutelarne il futuro è di fondamentale importanza per l’intera provincia ionica”, sostiene il consigliere.
In realtà ad oggi per il nosocomio grottagliese non è prevista la chiusura, ma i cittadini rifiutano anche l’ipotesi di un ridimensionamento. “I numeri e le necessità territoriali non lo permettono”, spiega Borraccino illustrando alcuni dati: “Nel 2015 si contano 560 nascite, 800 interventi e 21.000 accessi al Pronto Soccorso. Numeri che, se dovessero essere sommati a quelli del presidio ospedaliero centrale del Santissima Annunziata, rischierebbero di paralizzare il servizio sanitario ionico”. Per Borraccino “si rende perciò essenziale stimolare l’Asl di Taranto e la Regione Puglia affinché il Pronto Soccorso dell’Ospedale di Grottaglie non venga trasformato in Posto di Primo Intervento e il Punto Nascita sia mantenuto aperto”.
“La mia presenza alla manifestazione di sabato mattina – chiarisce in conclusione il consigliere – sarà simbolica, rispetto al costante impegno nei confronti dell’ospedale di Grottaglie, che continua anche e soprattutto a livello istituzionale. Affronterò infatti venerdì prossimo in qualità di componente della Commissione Sanità della Regione Puglia, alla presenza del Presidente Michele Emiliano, queste problematiche”.