Mattino 6 ottobre

SAN MARTINO DI LUPARI La Regione ha stanziato 1 milione di euro per una casa dedicata ai disabili, ma ora il contributo sembrerebbe venir meno. A denunciare l’accaduto è la Onlus Amami, supportata dal sindaco di San Martino di Lupari Gerry Boratto. I fatti: «La Onlus è stata costituita 30 anni fa da una trentina di famiglie con disabili al fine di realizzare una struttura che alla nostra dipartita», spiegano il presidente Cesare Gorgi e il segretario Fiorenzo Bergamin, «si prenda cura dei nostri figli. In questi anni con varie iniziative abbiamo raccolto notevoli risorse e in collaborazione con l’amministrazione comunale e l’Usl vogliamo metterle a disposizione della nostra comunità». Le istituzioni si sono attivate e «il progetto è stato inserito nel piano di zona dell’Usl 15, l’amministrazione ha messo a disposizione gratuitamente una pregevole area in centro e la Regione ha stanziato un milione di euro». Ma ora qualcosa sembra essersi inceppato. «Sembra che il finanziamento regionale possa essere eliminato, per noi e i nostri figli disabili sarebbe la fine», lamentano i due genitori. E il sindaco rincara la dose: «Zaia e Coletto sono venuti a fare il sopralluogo, il Comune ha già vincolato un terreno in centro per darlo gratuitamente all’associazione, mi auguro che i diritti delle persone diversamente abili vengano garantiti e che le voci – sul fatto che non venga erogato questo contributo non siano vere, perché i diritti di chi convive con le fragilità sono importanti, fondamentali, vanno garantiti».