Quotidiano E-R
25 gennaio

Il decreto del ministero della Salute che prevede una stretta sulla prescrizione di oltre 200 prestazioni di esami e diagnostica è oggetto di una interrogazione presentata da Raffaella Sensoli (M5s).
Il decreto, secondo la consigliera, anche se sono state eliminate le sanzioni originariamente previste a carico dei medici inadempienti, “costringe i professionisti a curare i malati facendo riferimento a un atto burocratico e non esclusivamente allo stato di salute del paziente, costituendo una limitazione della libertà di agire in scienza e coscienza, principio base del giuramento professionale”.
Sensoli, pertanto, chiede alla Giunta “se non ritenga opportuno trovare soluzioni volte a evitare o mitigare l’applicazione integrale del decreto e se non ritenga opportuno escludere a livello regionale qualsiasi sanzione a carico dei medici”.