Gazzettino 29 maggio

La casa di riposo Umberto I preoccupa le minoranze: «Ristrutturazione – dicono – a rischio». Lo hanno evidenziato i 4 consiglieri d’opposizione di Montebelluna, presentando un’interpellanza. Da un lato tornano sul caso del nuovo direttore Francesca Zaccariotto, già sindaco di San Donà e presidente della Provincia di Venezia e ora candidato sindaco di Venezia, dall’altro paventano un possibile blocco dei finanziamenti regionali, che potrebbe determinare problemi per la ristrutturazione del complesso.
«Si è perso tempo, molto tempo -dicono i consiglieri- tanto che si è dovuta riavviare la procedura, visto che Zaccariotto non ha le competenze tecniche per fare il Rup (individuare il responsabile unico del procedimento). Ora si dovrà ripartire da zero per scrivere le regole della gara d’appalto e così via, quando il sindaco ha invece assicurato che a primavera si sarebbero viste le ruspe». Ma il problema non è solo questo. «Ci chiediamo, anche alla luce degli ultimi fatti emersi sull’ormai famoso fondo di rotazione di 50 milioni di euro voluto dall’ex assessore Remo Sernagiotto, se dovesse venire bloccato dalla Regione cosa succederebbe alla Casa di riposo e quindi alla comunità di Montebelluna?». Sulla questione Zaccariotto, poi, i consiglieri concludono: «Il sindaco non può dire che non sapeva che la Zaccariotto era pronta a candidarsi a sindaco di Venezia e che quindi, si presume, non avesse il tempo per pensare al lavoro per il quale è stata assunta ed è pagata, cioè di occuparsi della casa di riposo Umberto I. Che è l’unica a non essere stata ancora ristrutturata».