La Tribuna di Treviso, 8 maggio 2019

Resana. Il negozio Pierfecht che vende scarpe ecosostenibili a Resana ha deciso di devolvere parte del suo fatturato dei prossimi mesi in favore del progetto di vita autonoma per persone disabili che si concretizzerà a Castelfranco. Si tratta dell’iniziativa “Buoni amici social street”, promossa dall’anno scorso dalla cooperativa sociale L’Incontro con il Centro Atlantis, per permettere a persone con disabilità di sperimentare nei weekend la vita autonoma che ognuno desidera.
Il negozio resanese di via Vittorio Veneto unisce così al valore dell’ecosostenibilità quello della solidarietà. Da una parte c’è la commercializzazione di scarpe marchiate Venethica, create ad Asolo con prodotti ecocompatibili, riciclati e riciclabili, tra cui manicotti delle pompe dei vigili del fuoco e copertoni di moto. Dall’altra c’è l’aiuto al progetto che prenderà forma nel quartiere castellano Risorgimento. «Grazie agli eventi e alle partnership con le aziende abbiamo raccolto circa 40 mila euro», spiega Raffaella Munaretto, direttrice del Centro Atlantis per persone diversamente abili. Servono 77 mila euro per rendere a misura di tutti un appartamento di proprietà di una famiglia generosa messo a disposizione per l’innovativo progetto. «Siamo ora nella fase della sperimentazione di nuove tecnologie in sinergia con l’università di Padova», chiarisce Munaretto. Tra queste, l’attivazione di comandi vocali con cui gli ospiti che si alterneranno nell’alloggio condiviso potranno azionare le tapparelle, accendere e spegnere la televisione e gestire autonomamente ogni fase della propria vita colmando i limiti dell’abilità motoria.