Nuova 2 gennaio

Residenza per anziani, finalmente si muove qualcosa. Il direttore generale Carlo Bramezza ha formalmente approvato la nuova convenzione tra l’Asl 10 e l’Ipab Residenza per anziani Francescon di Portogruaro. Il documento, che verrà sottoscritto tra le parti a giorni, include due punti cardine: il mantenimento dei 10 posti letto del settore hospice e la responsabilità clinica della stessa sezione spostata in capo all’unità operativa Cure palliative dell’azienda sanitaria, appena riconfermata dalle nuove schede regionali. Riguardo alle prestazioni fornite dalla Residenza Francescon, la convenzione prevede l’erogazione di prestazioni di medicina palliativa, di prestazioni riabilitative peculiari, di supporto e interventi psicologici al malato e ai familiari, di servizi socio assistenziali in collegamento con la rete territoriale, di assistenza sociale alle famiglie anche nelle fasi seguenti al decesso e anche l’assistenza spirituale. Il responsabile clinico dell’Hospice si avvarrà della collaborazione di personale medico esperto di cure palliative, fornito dall’Asl 10, per almeno 24 ore settimanali articolate su sei giorni a settimana, inoltre di un medico esperto a tempo pieno. La reperibilità notturna verrà garantita dalla continuità assistenziale (ex Guardia medica) mentre l’assistenza sanitaria di base continuerà ad essere garantita dal medico di medicina generale del paziente oppure dal medico operativo nell’ambito territoriale della Residenza Francescon. L’azienda sanitaria provvederà inoltre al trasporto d’urgenza dei malati in stato di grave disabilità e curerà l’aggiornamento e la formazione del personale dell’Hospice. «Come volevasi dimostrare non sono stati tagliati servizi e non è stata affatto impoverita questa struttura», commenta il riconfermato direttore generale dell’Asl 10, Carlo Bramezza, «questa convenzione è volta unicamente a migliorare il servizio reso all’utenza e, con la presa in carico della responsabilità clinica dell’hospice da parte dell’Asl 10, si è ulteriormente rafforzata la collaborazione tra l’Ipab e l’Azienda». «Non posso che essere soddisfatto di questa convenzione per tre principali motivi», aggiunge il presidente della Residenza Francescon, Diego Collovini, «questo documento ribadisce che la Francescon è una necessità per il territorio; dà una risposta ai bisogni di salute della popolazione; evidenzia la fattiva collaborazione tra la Francescon e l’Asl 10»