La Nuova, 20 gennaio 2016

MIRANO Tutti i servizi offerti al mondo disabile sotto i riflettori e, soprattutto, in rete tra loro. È l’obiettivo di un ciclo di appuntamenti organizzato dall’associazione “Famiglie e abilità” di Campagna Lupia, nata di recente dall’incontro di genitori accomunati della presenza di un disabile in casa e promossa dall’Asl 13 con la Conferenza dei sindaci. «Oggi», spiega la presidente dell’associazione Alessandra Boran, «un genitore con un figlio disabile non ha una mappa completa dei servizi che può trovare sul territorio. Magari si conoscono poco, da quelli offerti dall’Asl a quelli garantiti dai comuni e dal mondo del volontariato». È nata dunque l’idea di una serie di incontri pubblici che coinvolgeranno, da qui a maggio, tutti gli attori coinvolti. «Appuntamenti», spiega il direttore dei servizi sociali dell’Asl 13 Michele Maglio, «che danno risposte dal mondo dell’infanzia al disabile adulto e soprattutto a quei genitori che oggi chiedono cosa accadrà al proprio figlio una volta che loro non ci saranno più». Per il presidente della conferenza dei sindaci Silvano Checchin: «10 milioni su 15 del bilancio sociale dell’Asl 13 sono dedicati al mondo della disabilità. È importante dunque conoscere cosa offre il territorio, per capire che le famiglie con disabili non sono sole». Gli incontri sono gratuiti e rivolti a famiglie e mondo del volontariato. Il primo sarà il 21 gennaio a Villa Belvedere a Mirano, per parlare proprio della rete dei servizi esistente. Programma completo sul sito www.famiglieabilita.it.