La Nuova

MEOLO Casa di riposo a Meolo, il Comune attacca la Regione sulla gestione delle cosiddette “impegnative”. E nel mirino finiscono l’ex assessore regionale al sociale Sernagiotto, ma anche l’ex sindaco Basso. «La Rsa è una struttura che ormai vede occupati la quasi totalità dei posti letto, sono 110 i residenti a oggi. Ma c’è un grandissimo problema legato alla carenza di impegnative regionali: il centro può contare su 120 posti letto, di cui solo 31 coperti da impegnative», attaccano il sindaco Loretta Aliprandi e l’assessore Giampiero Piovesan, «le impegnative regionali sono fondamentali poiché senza di esse il pagamento delle rette rimane completamente a carico degli utenti. Sono costi mensili difficilmente sostenibili per le famiglie, che si orientano presso strutture completamente convenzionate. Una realtà come quella di Meolo per reggere adeguatamente ha bisogno di almeno 70-80 impegnative. Tra i colpevoli maggiori di questo stato, figurano certamente Basso e Sernagiotto, tanto prodighi nel promettere la copertura totale attraverso le impegnative quanto assenti nel momento di concretizzarle».