Il Corriere delle Alpi, 8 gennaio 2016

LIMANA Un vero e proprio «organigramma», come lo definisce il vice sindaco Edi Fontana, per la Limana Servizi Srl, la società a intera partecipazione del Comune che, dal 1° dicembre dello scorso anno, ha in mano la gestione del Centro servizi per l’anziano. Una novità voluta dall’amministrazione comunale che ha puntato a rendere più autonoma la gestione e che ora si trova ad organizzare l’intera struttura, anche con il personale da impiegare. «L’attività della società è partita poco più di un mese fa in modo puntuale, senza troppi scossoni», aggiunge Fontana, che è anche assessore al sociale. «Ora, è ovvio che va strutturata, perché deve essere in grado di muoversi in modo autonomo. Si pensi, per fare un esempio, al servizio ragioneria, che prima era in capo al Comune e che ora è in mano alla società. Ecco perché stiamo cercando di creare un organigramma. Ne abbiamo parlato di recente anche con i parenti degli ospiti, con i quali abbiamo avuto un incontro». Le selezioni per operatori socio-sanitari, operatori polivalenti per servizi di pulizia e lavanderia, manutentori, educatori professionali e istruttori contabili sono state completate e il personale è stato assunto. E qualche giorno fa, precisamente il 5 gennaio, è stato pubblicato un avviso di selezione per individuare una figura a cui affidare la funzione di responsabile della gestione operativa e amministrativa del Centro “Testolini”. Per presentare la propria candidatura (tutte le info sul sito www.limanaservizi.it) c’è tempo fino alle 12 del 15 gennaio. «Nella Limana Servizi, oltre a direttore e amministratore unico, è già operativo un coordinatore del personale», dice ancora Fontana. «La figura che cerchiamo dovrà occuparsi di supervisionare tutti gli aspetti operativi. Per quanto riguarda il resto del personale, la maggior parte di chi lavorava già prima in casa di riposo, con la cooperativa, è praticamente passato, tramite la selezione, alla Limana Servizi. Assunta anche qualche altra figura esterna, visto che a breve ci sarà l’apertura delle nuove stanze». E Fontana spiega che, non appena sarà completata la pianta organica della Srl («società che, ricordiamolo, essendo in toto in capo al Comune, consente di avere una gestione non più delegata a terzi», ribadisce il vice sindaco), si potrà iniziare a lavorare agli obiettivi fissati per quest’anno: «L’apertura dei piani che non sono ancora stati messi in uso, la messa in funzione della comunità alloggio sul piano mansardato e l’avvio della possibilità, nei moduli sollievo, di mettere le stanze a disposizione, anche temporaneamente, a coppie, ovvero marito e moglie». Un po’ più complicata la questione relativa ai moduli di media intensità e demenze. «In questo caso non dipende solo dal Comune, ma anche da Usl e Regione», precisa Fontana. L’intenzione per quest’anno è, inoltre, aprire la palestra di fisioterapia del “Testolini” anche all’utenza esterna. «La sfida, comunicata ai familiari degli ospiti», chiosa Fontana, «sarà poi quella di lasciare immutate le rette, anche per questo 2016».