Il Gazzettino, 6 maggio 2019

LIDO Partiranno finalmente oggi i lavori di ristrutturazione dell’ospedale San Camillo degli Alberoni, richiesti dal Ministero della Salute per confermare la classificazione di Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico Questa prima fase di lavori si concluderà entro fine luglio coinvolgendo il padiglione A (attuale Casa di riposo e uffici direttivi). Previsto un impegno di spesa di un milione e 200 mila euro. Ad aggiudicarsi l’appalto l’impresa edile So.Ge.di.Co. di Marghera. Il San Camillo ha voluto affidare i propri interventi ad un’azienda dalla comprovata esperienza nel campo della ristrutturazione ospedaliera, che ha presentato l’offerta migliore. Il programma dei lavori è mirato a ristrutturare l’ospedale, che sarà quindi attrezzato per ospitare al primo piano di quel padiglione i laboratori di ricerca neuromotoria e di biologia, compresa la biobanca. Al secondo piano, invece, sarà posto il servizio di neuropsicologia che garantisce la riabilitazione cognitiva e del linguaggio, sia per la componente di assistenza, sia per quella di ricerca, attraverso un nucleo qualificato di psicologi e logopedisti. Grazie a questi interventi, gli spazi a disposizione dell’utenza e dei ricercatori godranno di un ampliamento che consentirà di focalizzare al meglio le attenzioni delle due anime dell’ospedale: quella di assistenza e quella di ricerca.