Voce dei Berici 28 agosto – articolo/pubblicità

Con la fine dell’estate la Fondazione Luigia Gaspari Bressan di Isola Vicentina presenta il suo ricco programma di proposte autunnali per anziani e ospiti. A fare da passaggio tra l’estate uscente e la stagione autunnale, domenica 13 settembre è in programma la festa della Fondazione che inizierà alle 10 con una Messa seguita da un rinfresco. Nel pomeriggio varie attività per ospiti e famiglie: alle 15.30 momento dedicato ai bambini con La Gatta Matta di Caldogno e in contemporanea musica dal vivo con la Chicco Sband Comunità dell’Arca di Ciampino e a seguire lo spettacolo con il Castelnovo Twirling Team. Durante la giornata ci sarà una pesca di beneficenza e due mostra di dipinti dal titolo Uno sguardo sull’anima e Ricordi di bambole… frammenti di noi. La manifestazione si svolgerà con qualsiasi tempo: all’aperto se la giornata sarà soleggiata, all’interno in caso di maltempo. Da ottobre due proposte per il sano movimento del corpo.

Dall’ 1 ottobre al 2 novembre un corso di ginnastica dolce per anziani autosufficienti il lunedì e giovedì dalle 15.30 alle 16.30. Il corso è indicato per una riattivazione generale, dolori articolari, lombosciatalgie, miglioramento del tono muscolare, patologie osteoarticolari non in fase acuta. La prima lezione si terrà lunedì 1 ottobre. Il costo di partecipazione è di 80 euro.

Da ottobre ci sarà anche un corso di ginnastica posturale e consapevolezza corporea per migliorare la postura e la salute psicofisica mediante tecniche energetiche, allungamento, respirazione. Si terrà nella palestra di fisioterapia della Fondazione e la prima lezione sarà aperta a tutti. A novembre poi un soggiorno per anziani autosufficienti alle terme di Monteortone Abano dal 15 al 21 novembre, consigliato per Osteoporosi, artrosi diffuse, osteoartrosi, cervicartrosi, lombartrosi, periartriti non acute, esiti di reumatismi articolari, artrite reumatoide in fase di quiescenza. Le iscrizioni vanno fatte entro il 15 ottobre alla Segreteria Tel. 0444 – 978518, numero valido anche per tutte le altre informazioni sulle iniziative citate.
La Fondazione è come sempre molto attenta al benessere psicofisico degli ospiti. All’inizio di quest’anno, ad esempio, è partito il progetto La Cura del Sorriso, che promuove una serie di attività incentrate sulla risata e sulla comicità, per favorire il benessere degli ospiti. Nasce dall’idea che una dose costante di buonumore possa influenzare positivamente la qualità della vita. Considerando la presenza di ospiti con problemi fisici e cognitivi seri, risulta importante intervenire con una modalità basata sulla relazione, verbale o non verbale, e sul contatto, soprattutto quando ci si trova a rapportarsi con persone che non sono più in grado di dialogare. Il nuovo presidente della Fondazione, Pier Antonio Laverda, ha di recente sottolineato che uno degli obiettivi principali a breve termine è quello di promuovere e avviare un controllo gestionale che permetta al gruppo di direzione analisi e tempi brevi nelle future decisioni coerenti con una realtà in continua evoluzione e in una struttura considerata di primo livello e di eccellenza nell’ altovicentino.
La Fondazione accoglie oggi 130 ospiti e dà lavoro ad altrettanti dipendenti. E’ considerata una delle migliori strutture del Veneto, all’avanguardia per la qualità dei servizi erogati. In questi anni la struttura ha puntato molto sulla qualità, sia nelle prestazioni fornite agli ospiti sia per i servizi proposti all’esterno: pasti e prelievi a domicilio, fisioterapia, organizzazione di gite e altri servizi. L’ente fu fondato nel 1909 per volontà testamentaria di Luigia Gaspari Bressan la quale, con generosità e carità cristiana, destinò gran parte dei suoi beni mobili e immobili per l’erigenda struttura a vantaggio dei poveri e degli ammalati della Parrocchia. L’ente ha esclusivamente finalità di utilità sociale, senza alcun tipo di lucro. Accoglie e assiste persone in prevalenza anziane auto e non auto sufficienti di ambo i sessi.