Il Gazzettino, 25 maggio 2019

PIEVE DI CADORE Operazione trasloco. La casa di riposo per autosufficienti di Tai Cadore sposta ospiti ed attività all’albergo Dolomiè, quasi in centro a Pieve. L’operazione è in programma ad inizio estate anche se ancora non c’è una data precisa. Questo quanto sarà comunicato nel corso del prossimo consiglio comunale di Pieve di Cadore in programma martedì sera nella sala della Regola a Nebbiù. La questione sarà presentata e discussa al punto 5 dell’ordine del giorno, l’ultimo, che recita disanima delle problematiche che affliggono la casa di riposo di Tai e la Rsa Marmarole. Per la Residenza sanitaria assistita Marmarole si tratta di passaggi tecnico gestionali, ben più complessa invece la situazione della casa di riposo di Tai dove sono necessari lavori importanti e costosi, dalla messa a punto dell’impianto anti incendio all’adeguamento alle attuali normative che regolano queste strutture.A creare le maggiori difficoltà la mancanza di spazio attorno all’edificio, condizione questa che non permette nessun tipo di ampliamento ma nemmeno di manovra in caso di lavori. A fronte di una situazione così complessa l’amministrazione comunale si è attivata cercando spazi alternativi disponibili, si tratta di anziani autosufficienti quelli ospitati, con esigenze ben diverse rispetto ai non autosufficienti. Ecco trovato nell’Hotel Dolomiè la soluzione.
SPAZI IN AFFITTO Una struttura elegante, restaurata di recente tanto che l’attività alberghiera è stata aperta fino ad un anno e mezzo fa, a due passi dal centro del paese. Fatto il sopralluogo anche i Vigili del fuoco hanno autorizzato, ora si tratta di predisporre il trasloco. La proprietà è delle suore, dell’ordine Missionarie dell’Eucarestia con casa madre nelle Marche a Fano. Le sorelle avevano tentato di vendere il grande immobile, all’epoca era l’albergo Dolomiti, negli anni scorsi ma senza successo ed hanno accolto con favore la proposta del comune di affittare quegli spazi, diversamente era destinato a deperire.
VECCHIA COSTRUZIONE La casa di riposo Giovanni De Polo di Tai è stata costruita in due anni, tra il 12 giugno 1968 e il 27 settembre del 1970, per iniziativa della parrocchia di San Candido e dell’allora parroco; fondamentale il massiccio aiuto di volontari nella realizzazione che è stata possibile grazie ai fondi raccolti fra la popolazione, erano decisamente altri tempi. L’Hotel Dolomié è ricavato in una storica costruzione e conserva l’impronta originale dei decori appartenenti al passato. Camere accoglienti e grandi spazi conviviali, il tutto in perfetto stile cadorino dove si sentiranno a casa gli anziani ospiti e nel vasto parco potranno fare una tranquilla passeggiata ammirando il panorama che si gode da quella posizione elevata sopra la via Nazionale.