Forlì Today
22 gennaio

Dopo mesi di lavoro in cui si sono susseguite riunioni ed incontri operativi, gli amministratori di Santa Sofia e i vertici di Ausl Romagna ufficializzano il programma di investimenti che coinvolgerà l’Ospedale Nefetti di Santa Sofia. “Abbiamo lavorato intensamente – dichiara l’assessore alla sanità Ilaria Marianini – ed ora finalmente iniziamo a vedere i risultati. Dalla scorsa estate siamo in contatto con Marcello Tonini, il nuovo presidente di Ausl Romagna, che ha subito dimostrato apertura al dialogo e attenzione verso le nostre richieste”.
“Dopo avere incontrato il direttore generale insieme agli altri sindaci del territorio, per esprimere le nostre necessità e per dimostrare sul campo quanto sia importante il presidio ospedaliero di Santa Sofia – prosegue Marianini – prima di Natale abbiamo finalmente ricevuto le risposte che aspettavamo e possiamo dire che le nostre richieste sono state accolte”. Dall’Ausl, infatti, giungono notizie positive, con la conferma di investimenti economici che permetteranno di intervenire presso il Nefetti di Santa Sofia.
In particolare gli interventi prevedono la realizzazione del nuovo ingresso al Punto di Pronto Soccorso, migliorandone la fruibilità al pubblico e rendendolo più accogliente. Molto importante è anche la realizzazione della nuova Camera Mortuaria, che verrà trasferita dall’attuale postazione ad una più confortevole, all’interno dell’edificio ospedaliero. Ulteriori interventi, poi, interesseranno l’impianto di raffrescamento della vecchia ala dell’Ospedale, l’ampliamento della Dialisi e altri piccoli lavori di manutenzione straordinaria all’asfalto dei parcheggi. L’inizio di tali opere, il cui importo complessivo è pari a circa 600mila euro, è previsto entro il primo semestre del 2016.
“Siamo molto soddisfatti del dialogo instaurato con il direttore Generale Tonini– conclude il sindaco di Santa Sofia, Daniele Valbonesi. Con gli interventi in programma, infatti, si migliora un presidio ospedaliero di cui gode non solo il comune di Santa Sofia, ma anche i comuni limitrofi e i numerosi turisti che visitano le nostre zone. Il lavoro è stato impegnativo e, dopo avere pianificato gli interventi indispensabili, continueremo a ragionare sulla destinazione delle aree del Nefetti attualmente non utilizzate, un argomento che sta seguendo da vicino l’assessore Marianini insieme ai tecnici dell’Ausl.”