Giornale di Vicenza 16 febbraio

Tra di loro c’è di sicuro il nuovo direttore generale dell’Azienda Zero, vero “cuore e cervello” della sanità véneta. Sono i manager inseriti nell’elenco nazionale degli idonei al conferimento dell’incarico di direttore generale delle aziende sanitarie locali, delle aziende ospedaliere e degli altri enti del Servizio sanitario nazionale, formato dalla commissione nominata dal ministro Beatrice Lorenzin. Il primo nome che spicca è quello del vicentino Domenico Mantoan, attuale super-dirigente della sanità e del sociale della Regione. Con lui però compaiono in elenco anche molti dg in carica in varie Uiss, a cominciare da altri vicentini come Antonio Compostella (è a Rovigo), Patrizia Simionato e Pier Paolo Benetollo (è in Friuli), e poi Giovanni Pavesi (Vicenza), Francesco Benazzi (Treviso), Carlo Bramezza (Veneto est), Giuseppe Dal Ben (Venezia), Paolo Bordon (Trento), Luciano Fior (Azienda ospedaliera di Pa dova), Pietro Girardi (Verona), Adriano Marcolongo (è a Trieste), Antonio Foggiana (Friuli), Adriano Rasi Caldogno (Belluno), Giorgio Roberti (Bassano-Schio), Domenico Scibetta (Padova), Francesco Cobello (azienda diVerona). In elenco anche dirigenti di Uiss come Daniela Carraro, già dg a Thiene-Schio, Annamaria Tomasella (ex manager all’Ulss Alto Vicentino), i vicentini Urbano Brazzale (ora a Rovigo), Alessandro Pigatto (Uiss di Bassano-Schio), Giuseppe Cenci (ora a Verona), Paolo Fortuna (ora a Vicenza), Giampaolo Stopazzolo (anche lui a Vicenza) e Tiziano Zenere (Uiss Berica), Patrizia Benini, Maria Giuseppina Bonavina, Maria Grazia Carraro, Claudio Dario, Gian Antonio Dei Tos, Eugenio Possamai, Bortolo Simoni, Gianluigi Scannapieco. Dell’entourage regionale ci sono anche i manager Claudio Pilerci, Mauro Bonin (ex commissario dell’Azienda Zero), Francesco Bortolan, Maria Chiara Corti. E poi Valerio Fabio Alberti (era stato dg a Bassa- no), Francesco Pietrobon (anche lui ex Bassano), Giovanni Serpelloni, Michele Tessarin ed Emanuela Zandonà. E poi, novità assoluta, ci sono anche i manager laureati infermieri come Achille Di Falco (è a Padova) e Mauro Filippi (Veneto est): «Un altro segno dei tempi che cambiano in un momento storico per la professione infermieristica che assiste alla nascita del nuovo Ordine professionale», segnala l’Ipasvi di Padova. Come detto, è da questo elenco che quasi certamente a breve il governatore Luca Zaia potrà scegliere il nuovo direttore generale dell’Azienda Zero. E in futuro i rinnovi per le Uiss. ·