Il Gazzettino, 3 maggio 2019

CORTINA L’azienda speciale Cortina per i servizi alla persona chiuderà i conti del 2019 con un utile di 118.250 euro, che deriverà da un risultato di esercizio di 172mila euro. L’andamento sarà positivo anche nei due anni a venire, con un utile di 86mila euro nel 2020 e 106mila nel 2021.
LA DISCUSSIONE È quanto emerge dalla discussione in consiglio comunale, sul preventivo 2019, il pluriennale 2019/2021 e il piano di programma sino al 2021. L’azienda speciale Cortina è stata creata dall’amministrazione comunale perché si occupi della gestione della casa di riposo comunale Angelo Majoni; del servizio diurno per anziani nella stessa struttura; del servizio di assistenza domiciliare per anziani e disabili, nelle loro abitazioni; dei servizi sociali. Il consenso alla contabilità è stato unanime, con il voto sia del gruppo di maggioranza, sia dei consiglieri di minoranza, che hanno concordato sull’attività positiva svolta dall’amministratore dell’azienda Paolo Stocco, dal direttore Claudio Talamini, dai loro collaboratori. Nel 2018 la casa di riposo ha accolto 83 ospiti, seguiti da 60 dipendenti, al 31 dicembre scorso. Il tasso di occupazione della struttura è molto elevato, pari al 99.37%; il consuntivo 2018 vede ricavi per 2 milioni 243.724 euro e costi per 2 milioni 45mila, con un utile di 197.972 euro. L’andamento è analogo a quello del 2017, quando si contarono 92 ospiti nella casa di riposo, 18 persone accolte al centro diurno, 71 le persone seguite nel loro domicilio.
IL CENTRO Il centro diurno ha accolto lo scorso anno 22 utenti, con un tasso di occupazione del 99.48%; i conti di questo servizio hanno visto un leggero disavanzo, per 4.837 euro, fra 195.950 di ricavi e 200.788 di costi. In passivo anche l’assistenza domiciliare, con un disavanzo di 20.701 euro, fra 201.675 di ricavi e 222.376 di costi. I due parziali in passivo sono ampiamente coperti dall’utile principale. È stato favorevole anche il parere di Chiara Michielli, revisore dei conti. «È un servizio egregio, per cui il nostro voto alla delibera sarà favorevole ha esordito il capogruppo di minoranza Giorgio Da Rin ma auspichiamo che ci sia un ulteriore impegno dell’amministrazione, nel triennio che verrà: servono almeno 500mila euro, per diversi investimenti». Il sindaco Gianpietro Ghedina gli ha spiegato che già l’avanzo di amministrazione dello scorso anno, pari a 118mila euro, sarà utilizzato per investimenti, per la manutenzione della casa, per tutti gli interventi necessari in una struttura che opera già da una ventina di anni.