Il Gazzettino, 6 maggio 2019

CAMPOLONGO MAGGIORE Approvata in Consiglio comunale la convenzione con le scuole paritarie e asili nido del territorio comunale di Campolongo Maggiore. Critico però il parere del gruppo d’opposizione Campolongo Insieme che si astiene alla votazione dell’ordine del giorno. Il documento approvato in sostanza rinnova l’impegno dell’amministrazione a sostenere le realtà scolastiche per i prossimi tre anni, con un contributo di base annuale di 50 mila euro. «Il documento, redatto su modello nazionale Anci-Fism spiega l’assessore all’istruzione Mattia Gastaldi- si rifà a alla convenzione in scadenza, del 2016 e, oltre a garantire un sostegno economico, disciplina i rapporti tra il Comune e i soggetti coinvolti. Abbiamo incontrato nelle scorse settimane i parroci e i responsabili dei nidi che si sono dichiarati soddisfatti dell’accordo». La convenzione dunque è stata approvata con i voti favorevoli della maggioranza e del Movimento 5 Stelle, mentre l’opposizione PD si è astenuta: «La maggioranza – sottolineano i consiglieri Lorenza Paggiarin, Francesco Ongarato e Stefano Molena ha voluto dirottare i contributi previsti alla scuola dell’infanzia di Liettoli in chiusura e approvare la convenzione tra il Comune, le Scuole Paritarie e l’Asilo privato di Campolongo Maggiore. Il gruppo ha chiesto che almeno le rette a carico delle famiglie restino invariate e la partecipazione diretta alla vita delle scuole attraverso una commissione paritaria conoscitiva e di garanzia, visto l’erogazione di soldi pubblici». Proposta però rigettata dalla maggioranza: «La richiesta di metter naso sulla gestione delle scuole è inammissibile commenta Gastaldi- anche in considerazione del fatto che il Comune può chiedere in qualunque momento i bilanci alle scuole stesse. Ricordo che neppure nelle scuole statali l’amministrazione ha alcun ruolo decisionale o gestionale, nel rispetto dell’autonomia di ogni ambito». «Abbiamo lasciato in eredità un patrimonio scolastico importante – dichiarano l’ex sindaco Alessandro Campalto e Stefano Molena, segretario Pd-, ora ci troviamo dopo tre anni una scuola chiusa e una con il futuro incerto a Liettoli e un’altra svenduta a prezzi di saldo a Campolongo».