Il Gazzettino, 9 maggio 2019

CAMPODARSEGO Dopo il via dei lavori di realizzazione della nuova casa di riposo a Campodarsego, la famiglia Bariani titolare del Gruppo Gheron, che oggi rappresenta uno dei principali operatori italiani nel settore socio sanitario assistenziale e realizza strutture sanitarie complesse per persone anziane non autosufficienti, dopo aver aperto all’inizio dell’anno sul proprio sito aziendale le candidature per l’assunzione di personale, ha annunciato ufficialmente che entro il tardo autunno assumerà 80 dipendenti. Si tratta di persone con profili professionali come direttore gestionale, personale amministrativo, assistenti sociali, terapisti della riabilitazione, addetti ai servizi generali e personale di assistenza. Il Gruppo è in forte espansione e nel novembre 2019, dopo le prime due nuove aperture dei centri anziani a Pianiga e Campodarsego, intende realizzare entro la fine del 2020 altre sedi a Vigonza, San Martino di Lupari, Maserà di Padova e Mestre.
PARCO A DISPOSIZIONE Ma come sarà la nuova casa di riposo? «L’intervento prevede la realizzazione di un centro servizi per anziani non autosufficienti, per un totale di 120 posti letto – spiega il dottor Fabrizio Cavanna, responsabile del Gruppo Gheron per il Nordest -. L’area, di superficie fondiaria di 6121 metri quadri, si trova all’interno del Parco del Santo, in prossimità del centro storico, in un ambito urbano già consolidato, collegato ai principali mezzi di trasporto ma anche a contatto con un’area di verde pubblico; questo renderà il lotto facilmente accessibile e ragionevolmente lontano da fonti di inquinamento atmosferico e acustico, in un tranquillo contesto residenziale. Oltre alle aree a verde privato sarà messo a disposizione un parco con una superficie maggiore di 4000 metri quadri: i costi della manutenzione ordinaria saranno a carico della società che gestirà la struttura per anziani, secondo quanto previsto dalla convenzione sottoscritta con il Comune. Nel frattempo – conclude Cavanna -, inaugureremo in giugno, in via Roma, uno sportello informativo dove i candidati potranno depositare i propri curricula. Successivamente, dopo aver raccolto la prima scrematura delle candidature, inizieremo ad avviare i primi colloqui a metà luglio. Lo sportello informativo offrirà alla cittadinanza la possibilità di ottenere risposte più complete in campo sanitario per una gestione ottimale dei servizi rivolti principalmente all’ambito geriatrico».