Il centro anziani di via Paolo Veronese rimane di proprietà comunale.
La Giunta regionale del Veneto, infatti, ha approvato il testo del nuovo accordo di programma, ed ha espresso il consenso alla concessione da parte del Comune, in comodato d’uso gratuito per trent’anni, della nuova casa di riposo all’Ipab Centro anziani di Bussolengo.
La stessa modalità che era stata attuata per il vecchio edificio di via Ospedale.
Allo scadere dei 30 anni, le parti si incontreranno per la cessione di una quota minoritaria dell’immobile all’Ipab Centro anziani da parte del Comune di Bussolengo.
“L’amministrazione comunale», spiega il sindaco Paola Boscaini, «esprime grande soddisfazione per il risultato raggiunto, il mantenimento della proprietà dell’Ipab, anche grazie al personale interessamento dell’assessore regionale ai servizi sociali Davide Bendinelli. Un obiettivo che abbiamo perseguito con determinazione fin dal nostro insediamento».
«Un ringraziamento particolare», continua, «va alla commissaria straordinaria, Annalisa Bergozza, che ha saputo condurre la gestione del servizio alla casa anziani in modo professionale e in sintonia con le linee espresse dall’amministrazione. Un grazie anche alla presidente Francesca Zorzoni e al nuovo consiglio di amministrazione per aver dimostrato di operare in continuità con quanto già fatto dal commissario».
«Con grande soddisfazione apprendiamo che la Giunta regionale del Veneto», sottolinea la presidente Zorzoni, «ha stabilito che la proprietà dell’immobile che ospita la nuova sede della casa di riposo di Bussolengo in via Paolo Veronese 9, rimanga del Comune. È la conseguente e naturale decisione che permette di rispettare la volontà testamentaria del concittadino benefattore Beni Montresor, mantenendo nel patrimonio della comunità di Bussolengo una struttura di rilevante valore, che è destinata ad accogliere l’attività socio-sanitaria assistenziale, con la formula del comodato d’uso gratuito trentennale».
Una situazione che, secondo la presidente, avrà conseguenze positive sulla gestione della casa di riposo.
«La scelta di mantenere l’Ipab al Comune», continua Francesca Zorzoni, «produce un pluriennale effetto benefico sui bilanci dell’Ipab e delle famiglie, in quanto evita che gli oneri dell’ammortamento vadano a gravare inevitabilmente sulle rette degli ospiti. L’intervento dà quindi origine ad un duplice esito positivo sui cittadini bussolenghesi, da un lato con l’aumento del patrimonio a disposizione e dall’altro con il contenimento dei costi a carico delle famiglie residenti».
«Con questa ulteriore definizione», prosegue la presidente, «l’Ipab Centro anziani di Bussolengo si trova nelle condizioni migliori per ottimizzare le concrete potenzialità dalla nuova sede e per puntare al miglioramento della qualità dei servizi».
Commenta l’assessore regionale Davide Bendinelli: «Abbiamo approvato la delibera di giunta grazie alla quale si conclude l’iter annoso della questione relativa all’Ipab di Bussolengo: la casa rimane al Comune. Ringrazio il sindaco e l’amministrazione che hanno dimostrato una grande concretezza nell’affrontare e dare una prospettiva di soluzione al problema»