Un milione di euro per sistemare Villa Serena. È questa la cifra che serve al Comune per portare a termine una serie di interventi per la messa in sicurezza, l´adeguamento e la riqualificazione della casa di riposo di contrà San Giorgio: una residenza che ospita attualmente ben 330 persone, per la maggior parte anziani non autosufficienti.
Nell´ultima riunione di Giunta, l´esecutivo guidato dal sindaco Riccardo Poletto ha avviato l´iter per inoltrare domanda di contributo alla Regione, che per questo tipo di interventi ha messo a disposizione dei fondi. Il primo cittadino nutre buone speranze che la domanda venga accolta.
«Presumo che la Regione risponderà favorevolmente alla nostra richiesta – spiega Poletto – Del resto, Villa Serena ha bisogno di importanti interventi di sistemazione, necessari sia per il benessere degli ospiti sia per migliorare le condizioni lavorative degli operatori. Abbiamo fatto richiesta per un contributo complessivo di un milione di euro».
Lo stabile, di proprietà del Comune ma gestito dall´Isacc (Istituto servizi assistenziali cima Colbacchini), dovrebbe quindi presto interessato da interventi di varia natura. In primis, verrà sistemata una parte del tetto, che non versa in buone condizioni.
Sarà poi studiato un nuovo piano di accesso ai giardini della residenza: gli ospiti che sono costretti in carrozzina, infatti, hanno difficoltà a spostarsi agevolmente all´esterno dell´edificio, per cui è necessario rendere i vialetti maggiormente percorribili anche per chi non può muoversi con le proprie gambe.
Un altro problema della residenza è l´eccessiva dispersione del calore lungo i corridoi, cosa che innalza a dismisura le spese per il riscaldamento per mantenere una temperatura adeguata alle condizioni degli ospiti: trattandosi di anziani e non autosufficienti, infatti, bisogna evitare che gli ambienti diventino o troppo freddi o eccessivamente caldi. È necessario perciò pensare un nuovo piano per l´isolamento termico.
Tra gli interventi prioritari, figura anche l´allargamento di alcuni servizi igienici. In origine, infatti, la residenza era stata destinata ad ospitare soltanto persone anziane ma autosufficienti.
Negli ultimi anni, però, il numero degli ospiti non autosufficienti è progressivamente aumentato, per cui gli operatori hanno necessità di spazi adeguati per accompagnare gli ospiti ai servizi e per lavarli. Infine, il Comune ha intenzione di intervenire anche dal punto di vista energetico, sostituendo i corpi illuminanti usurati.
Un ulteriore intervento in programma riguarda la rimozione e la successiva installazione di nuovi serramenti e la sistemazione delle torrette degli ascensori.
Per quanto riguarda invece i piccoli lavori di manutenzione e di tinteggiatura degli interni, già da tempo gli alpini dell´Ana Montegrappa hanno assicurato il loro sostegno.
Con questi interventi, Villa Serena diventerà quindi una struttura più moderna, adeguata alle attuali esigenze di ospiti e personale e in grado di rispondere alle esigenze sempre più specifiche degli anziani, garantendo loro oltre all´assistenza un deciso miglioramento della qualità della vita all´interno della casa di riposo.