AndriaViva.it
27 settembre

Saranno 109 i minori, con patologie medie e gravi, che usufruiranno del Servizio di Assistenza Scolastica Specialistica sino a fine anno 2015 per un totale di 153mila euro, circa 51mila al mese, messi a disposizione dal Comune di Andria dopo aver ascoltato il Dipartimento di Salute Mentale dell’AslBT. Un servizio che andrà in proroga e del quale si è fatto un gran parlare nei giorni scorsi per via delle diverse prese di posizione sul tema da parte del Movimento 5 Stelle andriese. Dalla revisione delle liste da parte dell’Azienda Sanitaria il numero 109 è quello venuto fuori dopo la verifica di tutti i minori che hanno necessità di questo servizio.
Una delibera di giunta di fine luglio, infatti, ha sostanzialmente rivisto gli obiettivi del servizio sino a fine anno vista anche la scadenza del vecchio bando triennale chiuso proprio con l’anno scolastico 2014/2015. Il 24 settembre scorso, poi, l’approvazione di un’ulteriore provvedimento della Giunta nel quale si prende atto del fatto che per 109 minori è indispensabile il servizio che viene prorogato all’ATI “Villa Gaia-Trifoglio” con un incremento delle risorse disponibili sino a 153mila euro, come detto.
Tuttavia resta in essere la redazione e l’applicazione di un nuovo bando di gara che dovrà normare il servizio per il prossimo futuro. Bando che nel 2012 fu indetto nel mese di novembre ed assegnato alla stessa ATI, a cui il servizio è stato prorogato, per l’importo di oltre due milioni e mezzo di euro in tre anni scolastici al costo di 17,36 euro all’ora di assistenza. Il servizio è stato ufficialmente assegnato il 19 febbraio del 2013 ed i minori seguiti in questo periodo sono variati tra i 180 ed i 190.