Come era facilmente prevedibile, hanno sollevato un polverone le affermazioni del capogruppo di Forza Italia Franco Baruffa sull’ipotesi di coinvolgimento di privati nel futuro della Casa di riposo. “Per la prima volta veniamo informati che la costruzione della nuova casa di riposo è un affare da imprenditoria privata – dichiara Michela Grotto dei Liberi cittadini – facendo il nome, forse a caso, forse no, della Casa di cura Città di Rovigo. Una clinica parente strettissima della Casa di Cura Madonna della Salute di Porto Viro, che sta terminando la costruzione di un gigante di cemento di cui in molti si sono chiesti l’utilità, visti i tagli di posti letto che hanno colpito al cuore la nostra sanità pubblica”.
A questo punto l’esponente chiede “quale fondamento abbiano le affermazioni di Baruffa, se e in che modo possano essere legate al futuro della casa di riposo di Adria; se questo possa essere uno dei motivi per cui la presidente continua a non rispondere in Consiglio comunale; se esistano trattative in fase di sviluppo con imprenditori privati interessati alla costruzione e alla gestione della nostra casa di riposo. Diversamente ci aspettiamo una smentita in sede istituzionale”. In ogni caso, conclude Michela Grotto, “ci aspettiamo più chiarezza da Baruffa dal momento che lascia intendere di sapere e conoscere molto più di quanto abbia voluto farci credere attraverso la stampa”.