Forlì Today
1 dicembre

Il salone comunale di Forlì ha ospitato un seminario sul tema dell’affettività e della sessualità delle persone disabili. Questa iniziativa è stata finanziata da Assiprov (Centro Servizi per il Volontariato Forlì Cesena) su richiesta di alcune associazioni del territorio di Forlì che si occupano di tutela dei diritti delle persone disabili, associazioni riunite all’interno di “Spazio Comune”, coordinato dal Comune di Forlì.
Maria Cristina Pesci, medico psicoterapeuta sessuologa, ha argomentato di “Costruzione dell’identità di una persona con disabilità e la sessualità”; Luca Pazzaglia, responsabile del settore disabilità età adulta Labirinto cooperativa sociale (Pesaro) di “Evoluzione dei Servizi alla persona sul tema della sessualità e affettività”; mentre Maximiliano Ulivieri, project manager Turismo accessibile e presidente del comitato “Lovegiver” ha parlato del “Ruolo della famiglia e degli operatori ed eventualmente della figura dell’assistente sessuale presente in altre nazioni europee”. Infine Nancy Inostroza, laureata in Scienze Sociali e Sessuologa clinica del centro “Parole Diverse” della Cooperativa Butterfly Onlus ha parlato delle “Esperienze formative nel territorio di Forlì”.
L’obiettivo dell’incontro – viene illustrato – è stato quello di attivare in ciascuno di noi le possibili riletture della propria esperienza come persona con disabilità, come famigliare, educatore, volontario sul tema dell’affettività e sessualità nella persona disabile. Tra gli obiettivi del seminario quello di restituire alla persona il diritto all’autodeterminazione in tutti gli ambiti della vita affettività e sessualità compresa”.