La Regione Puglia finanzia 44 progetti di strutture sociali e sociosanitarie che verranno realizzati da cooperative sociali, imprese private, associazioni di promozione sociale e di volontariato, fondazioni ed enti religiosi.

Il tutto grazie ai fondi FESR (cioè dell’Unione Europea) dell’Asse III del Programma Operativo 2007-2013, assegnati tramite il primo Avviso pubblico per infrastrutture sociali.

I progetti sono stati sottoscritti dall’assessore alle politiche sociali pugliese Elena Gentile lo scorso 7 ottobre.

Qui l’elenco dei progetti finanziati: strutture per minori, anziani, disabili, donne vittime di violenza, asili nido. In tutto i contributi regionali sono di 7,49 milioni, mentre l’investimento complessivo per le strutture sociali e sociosanitarie è di 13,03 milioni: la differenza è a carico dei privati.

Il finanziamento della Regione arriva al massimo a 200 mila euro per la singola struttura.

I progetti, spiega il comunicato della Regione, “sono risultati immediatamente cantierabili e quindi è possibile sottoscrivere i disciplinari di attuazione con i relativi soggetti beneficiari che, a fronte della presentazione di apposita polizza fideiussoria, potranno ricevere già nelle prossime settimane la prima anticipazione del contributo finanziario, pari al 50% di quanto concesso”.

In molti casi si tratta di ristrutturazioni ed adeguamenti ai nuovi standard.

Lo scorso 24 settembre, spiega la Regione, erano stati sottoscritti accordi di programma con 10 Ambiti territoriali sociali, per 39 progetti e 27 milioni di euro di finanziamento regionale, mentre entro la fine del mese di ottobre ci saranno le sottoscrizioni dei disciplinari con altri 27 soggetti privati per l’avvio di nuovi servizi sociali e sociosanitari e con altri 20 Comuni e soggetti pubblici per altre infrastrutture sociali.

Inoltre a breve verrà pubblicata la graduatoria dei progetti di privati presentati al secondo bando Fers per il finanziamento di infrastrutture sociali. Verranno assegnate risorse per il cofinanziamento pari a 18 milioni.