Skip to content

Protezione dei minori da sfruttamento e abuso sessuale: cosa cambia con la Convenzione di Lanzarote

Come segnala il Centro nazionale di documentazione e analisi per l’infanzia e l’adolescenza, dal 1 luglio è entrata in vigore, nei paesi che l’hanno ratificata, la Convenzione europea per la protezione dei minori contro lo sfruttamento e l’abuso sessuale, detta Convenzione di Lanzarote dall’isola portoghese in cui fu firmata.

Qui il testo in italiano.

La Convenzione è stata firmata da trentanove sui quarantasette stati membri del Consiglio d’Europa.

Quanto all’Italia, il documento è attualmente in discussione in Parlamento:

  • qui il disegno di legge di ratifica presentato al Senato
  • qui l’iter del disegno di legge

Nel testo di accompagnamento al disegno di legge si spiega che la Convenzione di Lanzarote «affronta sistematicamente le tematiche relative alla protezione dei minori dallo sfruttamento sessuale e dall’abuso, introducendo princìpi generali, prevedendo misure preventive e autorità specializzate per la protezione dei minori, nonché specifici programmi di intervento a protezione e assistenza delle vittime» .

Come spiega l’Osservatorio, il documento impegna gli Stati membri del Consiglio d’Europa a modificare e armonizzare le norme vigenti nei singoli Stati in materia di sfruttamento e di abusi sessuali nei confronti dei minori per evitare che gli Stati dotati di una legislazione meno rigida possano essere scelti come luogo per commettere delitti di natura sessuale. Tre gli obiettivi fondamentali: «prevenire e combattere lo sfruttamento sessuale e l’abuso sessuale dei minori; proteggere i diritti dei minori vittime di sfruttamento sessuale e abuso sessuale; promuovere la cooperazione nazionale e internazionale contro lo sfruttamento sessuale e l’abuso sessuale dei minori».

Se il disegno di legge di ratifica della Convenzione verrà approvato, ci saranno anche delle modifiche al codice penale e al codice di procedura penale. Ad esempio dal ddl viene introdotto l’articolo del codice penale 414-bis per punire con la reclusione da tre a cinque anni il reato di pedofilia e pedo-pornografia culturale, di chi, «con qualsiasi mezzo, anche telematico, e con qualsiasi forma di espressione, pubblicamente istiga a commettere reati di prostituzione minorile, di pornografia minorile e detenzione di materiale pedo-pornografico, di violenza sessuale nei confronti di bambini e di corruzione». La stessa pena si applica anche a chi fa pubblica apologia di questi delitti.

Altra novità è l’introduzione del reato di adescamento di minorenni via Internet, cioè «qualsiasi atto volto a carpire la fiducia del minore attraverso artifici, lusinghe o minacce posti in essere anche mediante l’utilizzo della rete internet o di altre reti o mezzi di comunicazione», ed è punito con la reclusione da uno a tre anni.

Cambierebbe anche la normativa sulla prostituzione minorile, con modifiche all’articolo 600 del codice penale che inasprirebbero le pene.

Nessun commento ancora, aggiungi il tuo qui sotto!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Progetto di vita individuale per persone con disabilità – Corso Anffas

Ha il patrocinio di Uneba Veneto il corso di formazione gratuito “La progettazione individuale, personalizzata e partecipata per
Leggi di più

Il ricordo e la memoria nei percorsi dell’invecchiamento – Convegno

Sollecitare gli operatori che lavorano nei centri servizi per anziani a costruire percorsi di stimolo del ricordo e
Leggi di più

Don Gnocchi, Barbante confermato presidente

Don Vincenzo Barbante è stato riconfermato alla presidenza della Fondazione Don Gnocchi, ente associato Uneba, per il triennio
Leggi di più

Lombardia – Dgr 1513, Regole, Piano sociosanitario: slide di Marchesi

“RSA: le Regole di sistema Regionali, la DGR 1513 e il Piano Sociosanitario Regionale” è il titolo della
Leggi di più

Blocco delle rette Rsa in Lombardia: profili di illegittimità

Il blocco agli aumenti delle rette di compartecipazione dell’utenza per le unità d’offerta stabilito da Regione Lombardia è
Leggi di più

Divieto di fattura elettronica per le prestazioni sociosanitarie

Prorogato per il 2024 il divieto di fatturazione elettronica per i soggetti Iva che effettuano prestazioni sanitarie e
Leggi di più

Rsa necessaria, Rsa accogliente – Le Iene a Casa Simonetti

Una madre novantenne,  Teresa, e un figlio malato di Parkinson, Bruno, in condizioni economiche e sociali fragili. Non
Leggi di più

In ricordo delle vittime del Covid, teatro con la Rsa Vaglietti Corsini

Mercoledì 21 febbraio 2024, anniversario della primo caso di Covid accertato in Italia, all’interno del convegno Uneba Bergamo,
Leggi di più

Sponsor