Skip to content

Poveri o famiglie con un malato grave in casa pagheranno meno l’energia elettrica

Il Ministero per lo sviluppo economico  ha fissato i criteri per la definizione di compensazioni economiche della spesa sostenuta  (semplificando: sconti) per la fornitura di energia elettrica per due categorie:

 

1) soggetti economicamente svantaggiati, cioè con reddito ISEE non superiore  ai 7500 euro all’anno, con variazioni a seconda del numero di componenti della famiglia.

2) soggetti in gravi condizioni di salute che devono utilizzare apparecchiature medico-terapeutiche, necessarie per l’esistenza in vita, alimentate da energia elettrica.  Potranno beneficiare di modalità compensative riferite sia al maggior impegno di potenza, sia al maggior consumo di energia elettrica connessi all’utilizzo delle apparecchiature.

Qui il provvedimento del Ministero, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 18 febbraio.

 

Questo “bonus sociale” dovrebbe contare su un budget di circa 300-400 milioni di euro; si stimano sconti fino a 120 euro a famiglia.

 

L’Autorità per l’energia elettrica e il gas ha il compito di definire, nei prossimi mesi, le compensazioni –cioè stabilire di quanto saranno gli sconti-, i meccanismi certi e trasparenti di aggiornamento e l’uso efficiente delle risorse.

Per l’attuazione concreta dei benefici servirà un accordo con l’Anci, cioè l’associazione dei Comuni, perchè le richieste di sconto dovranno essere inoltrate al Comune di residenza che ne verificherà l’ammissibilità.

I dettagli su come dovrebbe funzionare il sistema (chi può chiedere, come farlo, quando arriverà il bonus) qui nel comunicato dell’Autorità per l’Energia.

Nessun commento ancora, aggiungi il tuo qui sotto!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Progetto di vita individuale per persone con disabilità – Corso Anffas

Ha il patrocinio di Uneba Veneto il corso di formazione gratuito “La progettazione individuale, personalizzata e partecipata per
Leggi di più

Il ricordo e la memoria nei percorsi dell’invecchiamento – Convegno

Sollecitare gli operatori che lavorano nei centri servizi per anziani a costruire percorsi di stimolo del ricordo e
Leggi di più

Don Gnocchi, Barbante confermato presidente

Don Vincenzo Barbante è stato riconfermato alla presidenza della Fondazione Don Gnocchi, ente associato Uneba, per il triennio
Leggi di più

Lombardia – Dgr 1513, Regole, Piano sociosanitario: slide di Marchesi

“RSA: le Regole di sistema Regionali, la DGR 1513 e il Piano Sociosanitario Regionale” è il titolo della
Leggi di più

Blocco delle rette Rsa in Lombardia: profili di illegittimità

Il blocco agli aumenti delle rette di compartecipazione dell’utenza per le unità d’offerta stabilito da Regione Lombardia è
Leggi di più

Divieto di fattura elettronica per le prestazioni sociosanitarie

Prorogato per il 2024 il divieto di fatturazione elettronica per i soggetti Iva che effettuano prestazioni sanitarie e
Leggi di più

Rsa necessaria, Rsa accogliente – Le Iene a Casa Simonetti

Una madre novantenne,  Teresa, e un figlio malato di Parkinson, Bruno, in condizioni economiche e sociali fragili. Non
Leggi di più

In ricordo delle vittime del Covid, teatro con la Rsa Vaglietti Corsini

Mercoledì 21 febbraio 2024, anniversario della primo caso di Covid accertato in Italia, all’interno del convegno Uneba Bergamo,
Leggi di più

Sponsor