Skip to content

Posso detassare turni e lavoro notturno anche quando non li utilizzo per scelta, ma per forza?

“L’Agenzia delle Entrate ritiene che quando le particolari caratteristiche dell’attività svolta impongano l’organizzazione a turni del lavoro nonché il ricorso al lavoro notturno e allo straordinario, non è preclusa l’applicazione del regime fiscale agevolato purché, in conformità al disposto di cui al comma 1, lettera c) dell’articolo 2 del decreto-legge n. 93 del 2008, venga attestata da parte del datore di lavoro l’incremento di produttività, innovazione ed efficienza organizzativa della struttura”.

Così si conclude la risposta del sottosegretario all’economia e alle finanze Bruno Cesario (Pt) all’interrogazione presentata in materia di detassazione dal deputato Maurizio Bernardo del Pdl.

L’interrogazione faceva riferimento in particolare alla situazione delle strutture sanitarie private, ma il tema riguarda da vicino anche il settore assistenziale o sociosanitario in cui operano gli enti Uneba.

Bernardo segnala infatti la difficoltà per gli enti di dover stabilire quali compensi sono correlati ad incrementi di produttività, qualità, redditività, innovazione, efficienza organizzativa. Ma si tratta di un “apprezzamento del tutto soggettivo, senza che siano chiare le conseguenze di una simile valutazione”. La difficoltà è ancora maggiore, prosegue Bernardo, per chi utilizza, ad esempio, lavoro notturno e lavoro a turni, non per perseguire efficienza o produttività, ma semplicemente perché obbligato dalla necessità di rispetto di standard regionali. Da qui la richiesta di chiarimenti al Ministero dell’economia e delle finanze.

Interrogazione e risposta sono stati segnalati da Uneba Lombardia.

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Calabria, ancora zero rimborsi Covid dalla Regione agli enti

La Regione Calabria non ha ancora riconosciuto nessun rimborso alle strutture extraospedaliere per i costi extra sostenuti durante
Leggi di più

Fondazione Girola, 16 milioni di borse di studio dal 1991 a oggi

Centosessanta borse di studio da 4.000 euro ciascuna, per un totale di 640 mila euro. Le ha consegnate
Leggi di più

Regione Umbria – Tariffe per le strutture sanitarie e sociosanitarie

Nuove tariffe per le strutture sanitarie e sociosanitarie di assistenza territoriale in Umbria. Le ha approvate la giunta
Leggi di più

Innovazione e tecnologia nel servizio agli anziani – Bocconi cerca le eccellenze Uneba

Il tuo ente per anziani è un protagonista dell’innovazione? Avete sviluppato una buona pratica in cui la tecnologia
Leggi di più

Emilia Romagna – Vigilanza sulle strutture per anziani e disabili

Regione Emilia Romagna avvia per il 2024  un progetto sperimentale  per implementare la vigilanza sulle strutture per anziani
Leggi di più

Uneba Lombardia: fare cultura sulle cure palliative

“Cure palliative a che punto siamo: cosa ne sanno gli italiani?” è il convegno organizzato da Uneba Lombardia
Leggi di più

Nota Uneba sulla procedura di conciliazione con i sindacati

Si è concluso con un verbale di mancato accordo l’incontro di mercoledì 22 maggio presso il Ministero del
Leggi di più

Ci ha lasciato Giampaolo Manganozzi, già redattore di Nuova Proposta

E’ mancato domenica  19  maggio, all’età di 87 anni, Giovanni Paolo Manganozzi, per tutti Giampaolo, che per tanti
Leggi di più

Sponsor