Come segnala il consulente del lavoro Angelo Moretti, di Uneba Lombardia, il Dipartimento della Funzione Pubblica, con nota n.44274 del 5 novembre, ha chiarito che non vi sono limitazioni legislative a che il disabile e chi lo assista fruiscano dei permessi previsti dall’articolo 33 della legge 104/92 in giornate diverse: infatti è possibile che chi assiste il disabile abbia necessità di assentarsi da lavoro in giornate in cui il lavoratore disabile presta l’attività lavorativa, per svolgere per conto di quest’ultimo attività per cui non è necessaria la sua presenza.