Skip to content

Mascherine in Rsa: stop all’obbligo, decidono i direttori sanitari

Il 30 giugno 2024 è scaduta l’ordinanza del Ministero della Salute che fissava l’obbligo “ai lavoratori, agli utenti e ai visitatori (…) delle strutture socio-sanitarie e socio-assistenziali” di indossare la mascherina.

Con la circolare del 1 luglio 2024 il Ministero della Salute dà solo delle “Raccomandazioni” (quindi non vincolanti) “sull’utilizzo dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie nelle strutture sanitarie per la protezione dalle infezioni virali acute”.

“Si raccomanda ai Direttori Sanitari – si legge nella circolare- (…) di valutare l’opportunità di disporre l’uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie nei propri contesti, tenendo conto della diffusione dei virus a trasmissione aerea, delle caratteristiche degli ambienti nonché della tipologia di pazienti, lavoratori o visitatori che li frequentano, in funzione del livello di rischio di infezione e/o trasmissione (ad esempio in presenza di sintomatologia respiratoria o in considerazione della stagionalità) e del potenziale di sviluppo di malattia grave in caso di esposizione.
Per quanto riguarda il personale, i Direttori Sanitari metteranno in campo ogni misura relativa alla tutela della loro salute”.

Nelle sue Linee Guida, la Regione Lombardia evidenzia tra le buone pratiche e raccomandazioni l’uso delle mascherine in queste situazioni:

  • gli operatori delle strutture sanitarie e sociosanitarie, comprese le visite domiciliari (es. C-Dom, UCP-Dom, RSA Aperta, ecc.), nei momenti di assistenza ai pazienti anziani e fragili (immunodepressi)
  • sempre in ogni caso per tutti i pazienti di strutture sanitarie e sociosanitarie in caso di sintomi o di sospetto di malattia infettiva diffusibile
  • per i visitatori nelle stanze di residenza delle strutture sociosanitarie nei casi di grave fragilità dell’ospite residente

Per quanto riguarda le visite alle strutture sociosanitarie, le Linee guida della Regione Lombardia  ricorda che per orari delle visite e numero dei visitatori si fa riferimento a quanto previsto dai requisiti di esercizio o di accreditamento, ma “resta in capo al Direttore Sanitario o medico responsabile, ove previsto, la possibilità di regolamentare il flusso dei visitatori in situazioni particolari e motivate, comunicate alla ATS di competenza”, e , a specifiche condizioni, “resta, in deroga, la possibilità di destinare una o
più camere singole all’isolamento dei pazienti in caso di necessità”. Sul tema, intervista del Corriere della Sera al presidente di Uneba Lombardia Luca  Degani.

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Disturbi neurocognitivi, convegno Oic e Uneba Veneto

Costruire una buona prassi nella presa in carico dei disturbi cognitivi che sia condivisa tra tutti i servizi
Leggi di più

Anziani, cura, valori – Convegno Uneba a S.Giovanni Lupatoto, Verona

“Valori e valore nella cura della persona anziana – Etica e sostenibilità dei servizi, strategie di innovazione e
Leggi di più

Combinare sapore e benessere: la cucina per anziani alla Provvidenza

Mangiare bene è stare bene, la qualità dei pasti è qualità della vita. Il servizio di cucina è
Leggi di più

FVG – Retta Rsa, il contributo regionale salirà a 23,5 euro

Rette Rsa in Friuli Venezia Giulia, aumenta di 2 euro al giorno il contributo regionale per l’abbattimento della
Leggi di più

Crotone: gli enti Uneba garantiscono l’Adi, la Asp non li paga

Il servizio Adi (Assistenza domiciliare integrata) nella provincia di Crotone è vicino all’obiettivo del Pnrr di garantire prestazioni
Leggi di più

Regione Sicilia, Uneba nel Comitato per i servizi socio assistenziali

Predisporre schemi di convenzione, standard dei servizi socio assistenziali e piani di formazione del personale. Sono questi i
Leggi di più

Uneba: per la fragilità servono centri multiservizi e programmazione regionale

Il ruolo fondamentale del sociosanitario, ed in particolare degli enti non profit, nella servizi territoriali per le fragilità
Leggi di più

Settimana Sociale: curare i fragili è risanare la democrazia

“Al cuore della democrazia”, questo il tema della 50’ Settimana Sociale dei Cattolici in Italia svoltasi a Trieste
Leggi di più

Sponsor

zucchetti health care