Skip to content

L’Unione Europea: niente Iva sul volontariato

Il 22 aprile, nell’ultima sessione plenaria di Strasburgo, il Parlamento europeo  ha approvato una risoluzione "sul contributo del volontariato alla coesione economica e sociale".

Qui il testo completo.

La risoluzione suggerisce agli stati dell’Unione Europea, tra cui l’Italia, alcune misure da adottare a favore delle organizzazioni di volontariato (da distinguere dalle Ong).

L’Europarlamento, tra le altre cose, chiede agli Stati membri di:

  • aiutare le organizzazioni ad accedere a finanziamenti sufficienti e sostenibili senza adempimenti burocratici e formalità di documentazione
  • introdurre l’esenzione dall’Iva sugli acquisti fatti dalle organizzazioni di volontariato per la  realizzazione dei loro obiettivi
  • introdurre la detassazione anche totale delle donazioni
  • dichiarare il 2011 Anno europeo del volontariato
  • fare in modo che il volontariato non sia un sostituto del lavoro retribuito
  • dare incentivi al settore privato perché anche questo, all’interno della propria responsabilità sociale, sostenga il volontariato
  • creare una banca dati europea sulle organizzazioni di volontariato e sulle buone pratiche
  • dare possibilità di fare volontariato fin dai primi anni di scuola

L’Ue ci mette i soldi, i volontari il lavoro

Il Parlamento Europeo insiste poi perchè l’attività di volontariato possa essere riconosciuta nel suo valore economico quale contributo ai progetti cofinanziati dall’Unione Europea. Oggi, infatti, le organizzazioni di volontariato difficilmente riescono ad accedere ai fondi comunitari, perché questi prevedono che chi ottiene un finanziamento per un progetto vi contribuisca anche con fondi propri. Ma di questi ultimi le organizzazioni di volontariato spesso non dispongono.

Qui un intervento sul tema del parlamentare europeo Iles Braghetto. 

 

Nessun commento ancora, aggiungi il tuo qui sotto!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

“Perche’ sono in Rsa?” – Bugie e verità, corso gratuito con Uneba Varese

“Perché sono qui in Rsa? – chiede l’anziana accolta da poco –  Quanto tempo devo rimanere? Che malattie
Leggi di più

Progetto di vita individuale per persone con disabilità – Corso Anffas

Ha il patrocinio di Uneba Veneto il corso di formazione gratuito “La progettazione individuale, personalizzata e partecipata per
Leggi di più

Il ricordo e la memoria nei percorsi dell’invecchiamento – Convegno

Sollecitare gli operatori che lavorano nei centri servizi per anziani a costruire percorsi di stimolo del ricordo e
Leggi di più

Don Gnocchi, Barbante confermato presidente

Don Vincenzo Barbante è stato riconfermato alla presidenza della Fondazione Don Gnocchi, ente associato Uneba, per il triennio
Leggi di più

Lombardia – Dgr 1513, Regole, Piano sociosanitario: slide di Marchesi

“RSA: le Regole di sistema Regionali, la DGR 1513 e il Piano Sociosanitario Regionale” è il titolo della
Leggi di più

Blocco delle rette Rsa in Lombardia: profili di illegittimità

Il blocco agli aumenti delle rette di compartecipazione dell’utenza per le unità d’offerta stabilito da Regione Lombardia è
Leggi di più

Divieto di fattura elettronica per le prestazioni sociosanitarie

Prorogato per il 2024 il divieto di fatturazione elettronica per i soggetti Iva che effettuano prestazioni sanitarie e
Leggi di più

Rsa necessaria, Rsa accogliente – Le Iene a Casa Simonetti

Una madre novantenne,  Teresa, e un figlio malato di Parkinson, Bruno, in condizioni economiche e sociali fragili. Non
Leggi di più

Sponsor