Ecco le slide di “Son dell’umana gente le magnifiche sorti e progressive – Per un’Etica dell’innovazione inclusiva: la tecnologia a servizio dell’essere umano”:  è la relazione di mons. Massimo Angelelli, direttore dell’ufficio Pastorale della Salute della Conferenza Episcopale Italiana, al convegno Uneba di Pesaro “L’innovazione al servizio delle fragilità”.

A volte ci sono resistenze al cambiamento nelle strutture dedite ai più fragili, ha notato don Angelelli.
“Ma innovare è necessario, è doveroso, e’ parte dell’identità dell’uomo e ancora di piu’ del cristiano”; ha evidenziato. “Dio è creatore, e gli piacciono le cose nuove”, ha aggiunto Angelelli, accompagnando in un percorso biblico sull’innovazione, dalla Genesi all’Apocalisse.
Ha poi presentato il processo decisionale per un’etica dell’innovazione inclusiva, che trovate nella terza slide, e che è ben diverso dal fanatismo dei tecnoentusiasti.

Il mondo delle strutture di assistenza, ha detto mons.Angelelli, ha subito nella pandemia “polemiche di una violenza inaudita, costruite ad arte. Ma possiamo cogliere del buono in questo marcio: è una provocazione al cambiamento”.

Qui tutti gli articoli di www.uneba.org sul convegno di Pesaro sull’innovazione