Skip to content

Liguria – Genova prova a diventare più accessibile

Genova è l’unica città italiana che partecipa al progetto di ricerca “Ask-it” cofinanziato dall’Unione Europea per lo sviluppo di strumenti e servizi che aiutino gli spostamenti di persone con disabilità e persone anziane, in particolare nei settori del trasporto e del turismo, per aumentare autonomia e qualità della vita.

Qui il sito ufficiale del progetto (in inglese).

Qui una presentazione di Ask-It.

A Genova il progetto Ask coinvolge cooperativa La Cruna, Terre di mare, l’azienda di trasporti cittadina Amt, Mizar e Comune.

Per Ask-It sono stati sviluppati dei programmi, installabili su cellulari, palmari e computer, che permettono di conoscere strade pedonali e trasporti pubblici accessibili anche a persone con mobilità ridotta per raggiungere circa 500 tra hotel, bar, negozi, musei, cinema…

Attualmente Ask-it è in fase di test: in futuro si punta a renderlo disponibile alle persone con mobilità ridotta che vivono a Genova o che vi arrivano da turisti.

In pratica si tratta di una sorta di navigatore, come quelli ormai diffusi nelle auto: indicando un luogo ti spiega se è raggiungibile (dov’è? Con quale bus ci vado? Quando passa?) ne se ci sono barriere architettoniche; chiedendo, ad esempio, di un cinema, ti dice quali sono quelli accessibili in zona. Il tutto corredato da mappe e da aggiornamenti sulle condizioni del traffico lungo il percorso.

Inoltre è stato creato un motore di ricerca degli eventi sociali come spettacoli o concerti dei giorni successivi, con l’indicazione della loro accessibilità anche per anziani o disabili.

L’8 e il 9 setttembre il sistema Ask-it, che comunque non è ancora completo, verrà testato lungo alcuni percorsi in centro a Genova.

Per informazioni info@terredimare.it, tel. 010.542098, 339.1309249.

Nessun commento ancora, aggiungi il tuo qui sotto!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

“Perche’ sono in Rsa?” – Bugie e verità, corso gratuito con Uneba Varese

“Perché sono qui in Rsa? – chiede l’anziana accolta da poco –  Quanto tempo devo rimanere? Che malattie
Leggi di più

Progetto di vita individuale per persone con disabilità – Corso Anffas

Ha il patrocinio di Uneba Veneto il corso di formazione gratuito “La progettazione individuale, personalizzata e partecipata per
Leggi di più

Il ricordo e la memoria nei percorsi dell’invecchiamento – Convegno

Sollecitare gli operatori che lavorano nei centri servizi per anziani a costruire percorsi di stimolo del ricordo e
Leggi di più

Don Gnocchi, Barbante confermato presidente

Don Vincenzo Barbante è stato riconfermato alla presidenza della Fondazione Don Gnocchi, ente associato Uneba, per il triennio
Leggi di più

Lombardia – Dgr 1513, Regole, Piano sociosanitario: slide di Marchesi

“RSA: le Regole di sistema Regionali, la DGR 1513 e il Piano Sociosanitario Regionale” è il titolo della
Leggi di più

Blocco delle rette Rsa in Lombardia: profili di illegittimità

Il blocco agli aumenti delle rette di compartecipazione dell’utenza per le unità d’offerta stabilito da Regione Lombardia è
Leggi di più

Divieto di fattura elettronica per le prestazioni sociosanitarie

Prorogato per il 2024 il divieto di fatturazione elettronica per i soggetti Iva che effettuano prestazioni sanitarie e
Leggi di più

Rsa necessaria, Rsa accogliente – Le Iene a Casa Simonetti

Una madre novantenne,  Teresa, e un figlio malato di Parkinson, Bruno, in condizioni economiche e sociali fragili. Non
Leggi di più

Sponsor