Skip to content

L’eterogeneo nonprofit italiano

E’ stato presentato il primo  “Rapporto sull’economia sociale” curato da Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro e Istat.

Qui il comunicato stampa ufficiale.

Con la premessa, segnalata dai curatori, che il mondo del nonprofit è estremamente eterogeneo al suo interno (per dimensioni, risorse, obbiettivi e diffusione delle istituzioni, per esempio), proponiamo alcuni dati estratti dal Rapporto.

Quantità

Le istituzioni del nonprofit in Italia sono 235 mila, il 5,4% del totale delle unità istituzionali (cioè sommando non profit, istituzioni pubbliche e imprese), e occupano 488 mila persone, il 2,5% del totale degli occupati (dati del 2001).

All’interno delle istituzioni nonprofit, le organizzazioni di volontariato nel 2003 sono 21 mila, con un aumento di quasi il 15% rispetto al 2001.

AVVERTENZA I dati di qui in poi sono del 1999, e quindi inevitabilmente fotografano un quadro parzialmente superato.

Dove sono

Il 51 % delle istituzioni non profit sta in Italia settentrionale, e in particolare il 14% in Lombardia. Dall’altra parte Calabria, Valle d’Aosta, Basilicata, Umbria e Molise sommati non arrivavano al 6% del totale. Massima diffusione di istituzioni non profit in rapporto alla popolazione in Trentino Alto Adige: 8,87 istituzioni ogni 1000 abitanti

Forma giuridica

Il 63,3% delle istituzioni non profit sono associazioni non riconosciute, il 27.7% associazioni riconosciute; cooperative sociali il 2,1%, fondazioni l’1,4%.

Settore di impegno

Per il 63,4% il settore culturale e sportivo (quest’ultima pesa per il 40% del totale delle istituzioni nonprofit); segue in classifica il settore dell’assistenza sociale con l’8,7%.

Budget

Le entrate complessive superano i 73 milioni, le uscite superano i 69 milioni; 14 e 13 milioni le entrate e le uscite per il settore dell’assistenza. La distribuzione di risorse finanzarie risulta però eterogenea: pochi hanno molta parte dei fondi.

Chi opera per il non profit

L’80% fruisce di volontari; solo il 15% ha anche dipendenti; il 5% anche religiosi.

Da chi arrivano i fondi

Prevalentemente dal settore privato per l’87%, dal settore pubblico per il 13% restante; la risorse private sono complessivamente il 64% delle entrate.

Dati dettagliati

Il rapporto contiene poi i dati divisi, all’interno delle istituzioni non profit, tra organizzazioni di volontariato, cooperative sociali, associazioni di promozione sociale, organizzazioni non governative e fondazioni, in alcuni casi con dati più recenti di quelli del 1999.

Nessun commento ancora, aggiungi il tuo qui sotto!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

“Perche’ sono in Rsa?” – Bugie e verità, corso gratuito con Uneba Varese

“Perché sono qui in Rsa? – chiede l’anziana accolta da poco –  Quanto tempo devo rimanere? Che malattie
Leggi di più

Progetto di vita individuale per persone con disabilità – Corso Anffas

Ha il patrocinio di Uneba Veneto il corso di formazione gratuito “La progettazione individuale, personalizzata e partecipata per
Leggi di più

Il ricordo e la memoria nei percorsi dell’invecchiamento – Convegno

Sollecitare gli operatori che lavorano nei centri servizi per anziani a costruire percorsi di stimolo del ricordo e
Leggi di più

Don Gnocchi, Barbante confermato presidente

Don Vincenzo Barbante è stato riconfermato alla presidenza della Fondazione Don Gnocchi, ente associato Uneba, per il triennio
Leggi di più

Lombardia – Dgr 1513, Regole, Piano sociosanitario: slide di Marchesi

“RSA: le Regole di sistema Regionali, la DGR 1513 e il Piano Sociosanitario Regionale” è il titolo della
Leggi di più

Blocco delle rette Rsa in Lombardia: profili di illegittimità

Il blocco agli aumenti delle rette di compartecipazione dell’utenza per le unità d’offerta stabilito da Regione Lombardia è
Leggi di più

Divieto di fattura elettronica per le prestazioni sociosanitarie

Prorogato per il 2024 il divieto di fatturazione elettronica per i soggetti Iva che effettuano prestazioni sanitarie e
Leggi di più

Rsa necessaria, Rsa accogliente – Le Iene a Casa Simonetti

Una madre novantenne,  Teresa, e un figlio malato di Parkinson, Bruno, in condizioni economiche e sociali fragili. Non
Leggi di più

Sponsor