Skip to content

Accreditamento e contrattualizzazione: cosa cambia con la Legge Concorrenza

Legge concorrenza e sociosanitario: cosa chiede realmente la legge, al di là dei timori più apocalittici, e i limiti alla concorrenza. Ecco le slide della relazione “Il rapporto tra enti privati gestori e Sistema sanitario regionale dopo la legge 118/2022 sulla concorrenza: nuove regole per accreditamento e contrattualizzazione” di Alberto V.Fedeli, coordinatore della commissione Pnrr di Uneba Lombardia al convegno “I nuovi scenari del welfare” a Massa.

“L’obiettivo delle modifiche introdotte – si legge in una delle slide di Fedeli – non è il passaggio al mercato e al regime di concorrenza, non richiesto nel settore sanitario e sociosanitario né dalla normativa e giurisprudenza europea nè dalla giurisprudenza interna ma quello invece di non creare insormontabili barriere di ingresso nel Sistema, di fatto realizzando un sistema chiuso con i soli enti già accreditati e contrattualizzati.
Si mira pertanto ad aprire il sistema anche agli enti solo accreditati per la stipula di contratti con procedimenti di pubblicità, trasparenza e parità di trattamento (selezioni certamente non gare pubbliche secondo il codice dei contratti pubblici), comunque vincolati al fabbisogno programmato.
Ma questo fabbisogno, come chiarito dalla giurisprudenza, non può essere determinato solo considerando i servizi già contrattualizzati, determinando in tal modo una chiusura del sistema per saturazione, ma in base al fabbisogno effettivo, individuando quindi quote di incremento dell’offerta per le selezioni e chance di ingresso degli enti solo accreditati.

Sullo stesso tema:

Tutti gli articoli del sito Uneba sul tema della concorrenza

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Enti per minori: Uneba propone di costruire coordinamenti nelle regioni

“Ci lasciamo con l’impegno a cominciare a costruire nelle Regioni i coordinamenti, e poi un coordinamento nazionale”. Così
Leggi di più

Uneba lancia un’alleanza tra gli enti per il benessere di bambini e ragazzi

Creare un coordinamento degli enti per bambini e ragazzi in Campania, e poi in tutta Italia, per condividere
Leggi di più

Il convegno Uneba di Napoli su Avvenire

L’efficace azione dei centri diurni Uneba a Napoli; l’attenzione alle cura e  al rispetto del Centro Giovani di
Leggi di più

Le nuove Linee di indirizzo per le Comunità per i Minorenni

Sono le Linee di Indirizzo per l’accoglienza nei servizi residenziali per i Minorenni il cuore dell’intervento di Gianni
Leggi di più

Il Gruppo Crc per la tutela dei diritti dei minori

“Gli Enti del Terzo Settore come osservatorio diffuso per la tutela e per il monitoraggio dei diritti dei
Leggi di più

Tutela degli orfani di femminicidio: la normativa

In che modo la legge tutela gli orfani di femminicidio o di crimini domestici? Nel suo intervento di
Leggi di più

Toscana – Coordinamento Pollicino su infanzia, adolescenza e famiglia

Una delle buone pratiche di coordinamento tra enti che si occupano di minori che Uneba propone – con
Leggi di più

La Chiesa di Napoli invita Uneba a essere “protagonista del bene” con bambini e ragazzi

L’arcivescovo mons.Vincenzo Pelvi ha celebrato nella chiesa di San Carlo Borromeo al centro direzionale di Napoli la messa
Leggi di più

Sponsor

zucchetti health care