Skip to content

Lazio – Il ticket disabilità lo paga la Regione

L’assessore alle politiche sociali Aldo Forte ha annunciato che sarà la Regione Lazio a pagare per tutto il 2010 la quota a carico dei Comuni delle spese di riabilitazione per le persone con disabilità a reddito più basso, con Isee sotto i 13 mila euro. Lo stanziamento previsto è di circa 10 milioni di euro.

“La regione sta per stabilire – ha dichiarato Forte a www.redattoresociale.it – che le persone disabili con un reddito Isee non superiore ai 13mila euro annui avranno diritto al sostegno economico da parte del Comune di residenza per il pagamento delle prestazioni riabilitative. Inoltre, visto le difficoltà di bilancio di alcune amministrazioni locali, dovremo rimborsare i Comuni di tutta la spesa che sosterranno in tal senso per tutto il 2010”.

Le modalità di questo rimborso, spiega l’assessore, sono un altro problema da affrontare. “Una delle preoccupazioni emerse dal confronto con le associazioni è quella relativa ai tempi di rimborso da parte della regione ai comuni di quel 30% o parte di esso che riguarda le spese riabilitative delle persone disabili in condizioni di disagio economico. Infatti tale pagamento avviene sulla base di un rendiconto annuale fatto entro il 31 gennaio dell’anno successivo a quello relativo alla spesa. Ciò crea un eccessivo aggravio sulle casse dei comuni dovuto alle lungaggini nei pagamenti. Per migliorare la tempistica del rimborso, quindi, la soluzione sulla quale stiamo lavorando è quella di prevedere più rendicontazioni periodiche nel corso dell’anno. Questa novità, però, è strettamente connessa a quella dell’informatizzazione del sistema di certificazione delle prestazioni erogate dai centri”

Viene quindi parzialmente abolito questo “ticket” per le persone disabili, una misura criticata pure dal presidente regionale Renata Polverini nel suo ruolo di commissario del piano di rientro della sanità laziale. L’introduzione del ticket era per altro già stata prevista, a livello nazionale, dal Dpcm sui Lea del 29 novembre 2001, come aveva ricordato il ministro della Salute Ferruccio Fazio. Nel Lazio non era mai stato applicato, supplendo con il Fondo Sanitario. Il decreto commissariale 95/2009 del commissario per la sanità laziale Elio Guzzanti aveva previsto la sua introduzione.

Le persone disabili che nel Lazio usufruiscono di prestazioni di riabilitazione sono 2400. Sono 64 i centri di riabilitazione autorizzati, di cui 23 strutture residenziali e 41 semiresidenziali.

Finanziata la riabilitazione nei luoghi di soggiorno estivo

L’assessore Forte si prende poi altri impegni nelle politiche per la disabilità. “La giunta laziale ha deciso di stanziare 3 milioni e 600 mila euro da assegnare alle Asl per il proseguimento dell’attività di riabilitazione delle persone disabili anche in vacanza, cioè nei luoghi di soggiorno estivo, utilizzando una quota del Fond. o per l’integrazione socio-sanitaria. (E’ la delibera 312/2010) Inoltre è stata approvata una delibera che prevede uno stanziamento di oltre 19 milioni di euro per consentire alle Asl di tutto il territorio regionale di proseguire il trasporto delle persone con difficoltà motorie da e verso i centri di riabilitazione, i centri di dialisi e i centri diurni”.

Nessun commento ancora, aggiungi il tuo qui sotto!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Forum Non Autosufficienza a Bari, 5 proposte con Uneba Puglia

Cinque appuntamenti curati da Uneba Puglia nel Forum Non Autosufficienza Focus Puglia, in programma il 13 e 14
Leggi di più

Uneba Lombardia fa ricorso contro la delibera della Regione sul blocco rette

Uneba Lombardia ha predisposto ricorso avverso la delibera della giunta regionale della Lombardia 1513/2023,e in particolare il punto
Leggi di più

Tariffe Rsa, il no di Uneba Piemonte al Patto proposto dalla Regione

“La remunerazione tariffaria dalla Regione Piemonte proposta non è compatibile né tantomeno sufficiente per garantire un modello di
Leggi di più

Samaritanus Care: ecco come gli enti Uneba possono trovare infermieri

Da lunedì 4 marzo 2024 gli enti associati Uneba e gli enti associati Aris hanno una nuova opportunità,
Leggi di più

“Perche’ sono in Rsa?” – Bugie e verità, corso gratuito con Uneba Varese

“Perché sono qui in Rsa? – chiede l’anziana accolta da poco –  Quanto tempo devo rimanere? Che malattie
Leggi di più

Nasce l’Osservatorio Cure Palliative con Uneba Lombardia

Nasce l’Osservatorio Cure Palliative. Ne sono fondatori Liuc Business School, Federazione Cure Palliative ed Uneba Lombardia Obbiettivo dell’Osservatorio
Leggi di più

Progetto di vita individuale per persone con disabilità – Corso Anffas

Ha il patrocinio di Uneba Veneto il corso di formazione gratuito “La progettazione individuale, personalizzata e partecipata per
Leggi di più

Il ricordo e la memoria nei percorsi dell’invecchiamento – Convegno

Sollecitare gli operatori che lavorano nei centri servizi per anziani a costruire percorsi di stimolo del ricordo e
Leggi di più

Sponsor