Skip to content

L’ammalato grave è ancora una persona?

I ricoverati negli ospedali, gli ospiti assistiti nelle case di riposo e nelle case di accoglienza delle più varie tipologie, così come gli stessi ammalati curati nelle loro abitazioni, o negli hospice soffrono delle più varie infermità; quelli degenti in ospedale per lo più soffrono di malattie di tipo acuto, o comunque ancora suscettibili di cure mediche, mentre gli altri possono avere patologie croniche, o problematiche sociali e relazionali particolari, che necessitano comunque di una presa in carico e di una presa in cura più complessa e articolata, continuativa e, spesso, senza possibilità neppure di miglioramento.

Queste persone possono avere acquisito, per malattia o per età, oppure avere fin dalla nascita un deficit parziale o totale delle facoltà mentali e cognitive; altri sono immobilizzati a letto, dipendenti in tutto e per tutto dal prossimo, gravati da ulcere da decubito, anchilosati, nutriti artificialmente, violati nel corpo da cateteri e sondini; in alcuni la malattia, o le malformazioni  con cui sono nati,  hanno  deformato  e abbruttito il corpo in maniera inimmaginabile.

Di fronte a tanta  devastazione, chi assiste e cura non può non porsi domande, sul perchè  del male innanzitutto. Ma un’altra domanda a volte può comparire, nel cuore di chi pur si prende cura di questi malati : è ancora un essere umano costui? che cosa gli resta della persona che era? Oppure, nel caso di  neonati o feti malformati: è  mai stato una persona umana?

In effetti non sono pochi gli studiosi di bioetica che non ritengono corretto chiamare persone i soggetti gravati da deficit psichici e/o fisici come quelli descritti sopra.

Essi, invece, definiscono la  persona umana come un soggetto dotato di consapevolezza del mondo e di autocoscienza, autonomo e autosufficiente, in grado di ragionare, e capace della libertà dell’ agire morale.

In base ad una tale definizione, questi bioeticisti non considerano persone molte categorie di malati, come, ad esempio, i dementi, i malati di mente, i deboli di mente, coloro che sono in stato (cosiddetto) vegetativo, etc.

Ma, a ben guardare, non rientrerebbero in questa definizione di persona neppure i bambini, i vecchi affetti da confusione mentale, i depressi gravi, e neppure, paradossalmente, i pazienti durante l’anestesia generale, tutti noi quando dormiamo, i traumatizzati in stato di coma reversibile, o, poniamo, gli individui durante l’uso di droghe.

In realtà la definizione di persona sopra esposta è molto riduttiva; essa, a ben guardare, fa coincidere la persona umana con l’adulto sano. Inoltre valorizza, dell’essere persona, solo la componente mentale e relazionale, senza tenere conto della dimensione corporea. Da ultimo, essa confonde le qualità e le funzioni di qualcuno con quel qualcuno, registra le disabilità di qualcuno senza cogliere  l’evidenza di quel qualcuno corpo vivo.

Le conseguenze pratiche di questa visione bioetica della persona umana (che non fa coincidere la persona umana con l’essere umano) si sono potute concretamente vedere, per fare un esempio da tutti conosciuto, nel caso di Terry Schiavo, intenzionalmente fatta morire di fame e di sete in quanto considerata una non-persona.

In realtà la persona umana coincide con l’essere umano, poiché la sua natura risiede nella sua origine: è essere umano colui che nasce da altri esseri umani, e tale è fin dal concepimento, e tale resta finchè il suo corpo vive.

Quelli che ci troviamo a curare e ad assistere, menomati anche gravemente nel corpo e/o nella mente, sono persone. Persone ammalate.

dott. Nazzareno De Nardi, Fondazione Care

 

Tra due settimane sarà pubblicato su www.uneba.org un approfondimento scientifico su questo tema  e un commento a partire dal bel libro di R. Spaemann “Persone. Sulla differenza tra ‘ qualcosa’ e ‘qualcuno’”, Laterza, Roma, 2005.

Nessun commento ancora, aggiungi il tuo qui sotto!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

“Perche’ sono in Rsa?” – Bugie e verità, corso gratuito con Uneba Varese

“Perché sono qui in Rsa? – chiede l’anziana accolta da poco –  Quanto tempo devo rimanere? Che malattie
Leggi di più

Progetto di vita individuale per persone con disabilità – Corso Anffas

Ha il patrocinio di Uneba Veneto il corso di formazione gratuito “La progettazione individuale, personalizzata e partecipata per
Leggi di più

Il ricordo e la memoria nei percorsi dell’invecchiamento – Convegno

Sollecitare gli operatori che lavorano nei centri servizi per anziani a costruire percorsi di stimolo del ricordo e
Leggi di più

Don Gnocchi, Barbante confermato presidente

Don Vincenzo Barbante è stato riconfermato alla presidenza della Fondazione Don Gnocchi, ente associato Uneba, per il triennio
Leggi di più

Lombardia – Dgr 1513, Regole, Piano sociosanitario: slide di Marchesi

“RSA: le Regole di sistema Regionali, la DGR 1513 e il Piano Sociosanitario Regionale” è il titolo della
Leggi di più

Blocco delle rette Rsa in Lombardia: profili di illegittimità

Il blocco agli aumenti delle rette di compartecipazione dell’utenza per le unità d’offerta stabilito da Regione Lombardia è
Leggi di più

Divieto di fattura elettronica per le prestazioni sociosanitarie

Prorogato per il 2024 il divieto di fatturazione elettronica per i soggetti Iva che effettuano prestazioni sanitarie e
Leggi di più

Rsa necessaria, Rsa accogliente – Le Iene a Casa Simonetti

Una madre novantenne,  Teresa, e un figlio malato di Parkinson, Bruno, in condizioni economiche e sociali fragili. Non
Leggi di più

Sponsor