Skip to content

In Italia diminuiscono gli aborti: dimezzati in 25 anni.

Il sottosegretario al Welfare Eugenia Roccella ha presentato l’annuale relazione al Parlamento sull’interruzione volontaria di gravidanza (aborto).

  • qui trovate il testo completo della relazione
  • qui la presentazione a cura del Ministero
  • qui tutti i dati

Nel 2008 sono state effettuate in Italia 121.406 interruzioni volontarie di gravidanza, di cui circa 80 mila tra donne italiane.

C’è un calo del 4,1% rispetto al 2007, quando le interruzioni erano state 126.562, un calo del 48,3% rispetto al 1982, anno in cui si registrò il più alto ricorso all’Ivg, con 234.801 casi. Il decremento è continuo.

Sono invece in costante aumento gli aborti effettuati in Italia da donne straniere. Dipende dalla loro maggiore presenza in Italia, ma va precisato che le donne straniere hanno un tasso di abortività 3 o 4 volte maggiore di quanto risulta tra le italiane, cioè percentualmente compiono più ivg delle italiane. Il ricorso all’ivg, ovviamente, cambia molto a seconda della nazionalità delle donne.

Le regioni con il maggior numero di interruzioni volontarie di gravidanza sono Liguria, Umbria, Emilia Romagna e Piemonte; in generale, inferiori sono gli aborti in Italia meridionale e insulare rispetto a quella centrale e settentrionale.

Aumentano inoltre i ginecologi obiettori di coscienza, passando dal 58,7% del 2005 al 69,2% del 2006 fino a 70,5% del 2007. Percentuali superiori all’80% si osservano nel Lazio (85,6%) in Basilicata (84,1%) e in Campania (83,9%).

Nessun commento ancora, aggiungi il tuo qui sotto!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

“Perche’ sono in Rsa?” – Bugie e verità, corso gratuito con Uneba Varese

“Perché sono qui in Rsa? – chiede l’anziana accolta da poco –  Quanto tempo devo rimanere? Che malattie
Leggi di più

Progetto di vita individuale per persone con disabilità – Corso Anffas

Ha il patrocinio di Uneba Veneto il corso di formazione gratuito “La progettazione individuale, personalizzata e partecipata per
Leggi di più

Il ricordo e la memoria nei percorsi dell’invecchiamento – Convegno

Sollecitare gli operatori che lavorano nei centri servizi per anziani a costruire percorsi di stimolo del ricordo e
Leggi di più

Don Gnocchi, Barbante confermato presidente

Don Vincenzo Barbante è stato riconfermato alla presidenza della Fondazione Don Gnocchi, ente associato Uneba, per il triennio
Leggi di più

Lombardia – Dgr 1513, Regole, Piano sociosanitario: slide di Marchesi

“RSA: le Regole di sistema Regionali, la DGR 1513 e il Piano Sociosanitario Regionale” è il titolo della
Leggi di più

Blocco delle rette Rsa in Lombardia: profili di illegittimità

Il blocco agli aumenti delle rette di compartecipazione dell’utenza per le unità d’offerta stabilito da Regione Lombardia è
Leggi di più

Divieto di fattura elettronica per le prestazioni sociosanitarie

Prorogato per il 2024 il divieto di fatturazione elettronica per i soggetti Iva che effettuano prestazioni sanitarie e
Leggi di più

Rsa necessaria, Rsa accogliente – Le Iene a Casa Simonetti

Una madre novantenne,  Teresa, e un figlio malato di Parkinson, Bruno, in condizioni economiche e sociali fragili. Non
Leggi di più

Sponsor