Aumenta a livello europeo la diffusione di droga e alcol tra gli anziani. A evidenziare questa situazione, solitamente meno conosciuta rispetto agli analoghi problemi dei giovani, è l’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze.

La denuncia appare nell’ultima edizione del Focus sulle droghe diffuso dall’Osservatorio. Qui un riassunto.

Alcuni concetti in sintesi:

  • a causa principalmente, ma non solo, dell’invecchiamento della popolazione, il numero di anziani con problemi legati all’abuso di sostanze  che necessitano di una cura a causa di tale consumo, aumenterà più del doppio tra il 2001 e il 2020
  • questo rappresenterà una nuova sfida anche per i servizi di trattamento della tossicodipendenza, finora pensati soprattutto per giovani
  • gli anziani corrono rischi maggiori rispetto ai giovani perchè metabolizzano le droghe più lentamente e subiscono maggiormente gli effetti dannosi dell’alcol
  • L’uso combinato di alcol e medicinali genera un maggiore rischio di problemi sociali e di salute. I farmaci da banco o su prescrizione apparentemente innocui possono interagire con l’alcol, causando effetti sedativi eccessivi e un maggiore rischio di incidenti e danni.