Ci sono anche le persone con più di 65 anni, gli individui di qualsiasi età ricoverati presso strutture per lungodegenti e medici & personale sanitario di assistenza tra le categorie per le quali è consigliata la vaccinazione stagionale contro l’influenza. Il periodo migliore per le campagne di vaccinazione è da metà ottobre fino a fine dicembre.
E si raccomanda di “promuovere fortemente la vaccinazione antinfluenzale di tutti gli operatori sanitari, con particolare riguardo a quelli che prestano assistenza diretta nei reparti a più elevato rischio di acquisizione/trasmissione dell’infezione, quali (…)  residenze sanitarie assistenziali”.
Sono queste alcune delle indicazioni che fornisce il Ministero della Salute nella circolare Prevenzione e controllo dell’influenza: raccomandazioni per la stagione 2015-2016, elaborata dalla Direzione Generale della Prevenzione sanitaria.
Il Ministero sottolinea la necessità di incrementare la copertura vaccinale nei gruppi a rischio.
Una sola dose di vaccino antinfluenzale è sufficiente per i soggetti di tutte le età.
“La stagione influenzale 2014-2015 – spiega il Ministero – è stata caratterizzata da un’incidenza cumulativa medio-alta (108 casi per 1.000 assistiti). Purtroppo sono stati segnalati 485 casi gravi e 160 decessi da influenza confermata da 19 Regioni e Province autonome (contro i 93 casi gravi, dei quali 16 deceduti, della stagione precedente).Solo il 7,6% dei casi gravi segnalati riferiva di essersi vaccinato contro l’influenza dall’inizio della stagione”