Skip to content

Il Ministero del lavoro annuncia che verrà pagato a breve il 5 per mille 2008

Al via i pagamenti del 5 per mille 2008: le realtà del terzo settore dovrebbero ricevere a breve la quota loro spettante in base alle preferenze ricevute dai contribuenti.

Qui il dettaglio di quanto spetterà a ciascuna onlus o realtà del volontariato per il 5 per mille 2008.

Ad annunciare che i pagamenti sono prossimi, riferisce il giornale Vita, è stata Marina Gerini, direttore del settore Volontariato del Ministero del lavoro in occasione della seconda Conferenza nazionale dell’associazionismo sociale.

Nella stessa occasione il ministro del lavoro Maurizio Sacconi ha affermato che il 5 per mille come meccanismo di finanziamento del terzo settore verrà mantenuto anche in futuro. Ma non verrà sancito per legge perché, ha evidenziato Sacconi, “non si può irrigidire il bilancio in un tempo in cui non è finito il pericolo di instabilità. Si può però ipotizzare una quota minima garantita e un’altra invece ponderata di anno in anno”.

In un passaggio del suo intervento alla Conferenza, il ministro Sacconi ha anche osservato che il socio-sanitario oggi è “odiosamente spaccato in due: fino a Roma esclusa si spende poco e si dà molto, giù lungo la penisola invece succede l’opposto. E la differenza sta nel territorio: al Sud non ci sono servizi territoriali ma tutto è delegato alla ospedabilità. Ci sono troppo strutture ospedaliere anche con solo 20 posti letto mentre il contesto istituzionale non favorisce il non profit. Il contrario di quanto avviene al Nord”. Ecco perché “ora bisogna andare nella direzione giusta – ha continuato il ministro – innestando servizi sussidiari e quel volontariato che è indispensabile” ad esempio “per accompagnare i malati terminali”.

Nessun commento ancora, aggiungi il tuo qui sotto!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

“Perche’ sono in Rsa?” – Bugie e verità, corso gratuito con Uneba Varese

“Perché sono qui in Rsa? – chiede l’anziana accolta da poco –  Quanto tempo devo rimanere? Che malattie
Leggi di più

Progetto di vita individuale per persone con disabilità – Corso Anffas

Ha il patrocinio di Uneba Veneto il corso di formazione gratuito “La progettazione individuale, personalizzata e partecipata per
Leggi di più

Il ricordo e la memoria nei percorsi dell’invecchiamento – Convegno

Sollecitare gli operatori che lavorano nei centri servizi per anziani a costruire percorsi di stimolo del ricordo e
Leggi di più

Don Gnocchi, Barbante confermato presidente

Don Vincenzo Barbante è stato riconfermato alla presidenza della Fondazione Don Gnocchi, ente associato Uneba, per il triennio
Leggi di più

Lombardia – Dgr 1513, Regole, Piano sociosanitario: slide di Marchesi

“RSA: le Regole di sistema Regionali, la DGR 1513 e il Piano Sociosanitario Regionale” è il titolo della
Leggi di più

Blocco delle rette Rsa in Lombardia: profili di illegittimità

Il blocco agli aumenti delle rette di compartecipazione dell’utenza per le unità d’offerta stabilito da Regione Lombardia è
Leggi di più

Divieto di fattura elettronica per le prestazioni sociosanitarie

Prorogato per il 2024 il divieto di fatturazione elettronica per i soggetti Iva che effettuano prestazioni sanitarie e
Leggi di più

Rsa necessaria, Rsa accogliente – Le Iene a Casa Simonetti

Una madre novantenne,  Teresa, e un figlio malato di Parkinson, Bruno, in condizioni economiche e sociali fragili. Non
Leggi di più

Sponsor