Skip to content

Il futuro dell’Agenzia per le onlus (e del terzo settore)

Lo scorso 9 luglio è stata presentata ufficialmente al governo la relazione sull’attività 2007 dell’Agenzia per le Onlus.

Qui la ponderosa relazione presentata dal presidente Stefano Zamagni, qui una sintesi.

Ecco un riassunto del riassunto, cioè alcuni dei temi principali trattati:

  • nel 2001 (ultimo censimento Istat) le organizzazioni no profit (onlus o no) erano 221 mila; ma si presume che ci sia almeno un 35% di non profit “sommerso”, che emergerà con il prossimo censimento (pagg. 3-18).
  • la grande maggioranza (63%) è attiva nel settore culturale e ricreativo. Solo il 7% nel settore sociale (pag. 4).
  • la relazione riassume brevemente il quadro normativo del non profit; in merito alle novità, per il 5 per mille “le difficoltà di attuazione appaiono ancora rilevanti”, mentre per il bilancio di missione si cercano indicatori per misurare concretamente il “valore” del non profit (pagg. 8-9-10).
  • sono coinvolti nel non profit 4 milioni di persone, di cui 3,2 milioni di volontari (pag. 6).
  • tra i progetti a cui sta lavorando l’Agenzia, il completamento delle linee guida per il bilancio d’esercizio delle onlus (pag.8).
  • quanto al bilancio dell’Agenzia: “permane uno stato di incertezza di fondo che non consente una solida programmazione per gli anni a venire” (pag. 18).
  • l’Agenzia ha chiesto al presidente del consiglio dei ministri che il suo nome sia cambiato in “Agenzia per il terzo settore”, nome più corrispondente alle sue funzioni: infatti non si occupa solo di onlus, ma di tutto il terzo settore (pag. 19).
  • chiede anche la trasformazione da agenzia ad “Authority del terzo settore” per la regolamentazione del settore (pag.19).

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Papa Francesco: non abbandonate gli anziani!

“Nella vecchiaia non abbandonarmi” è il tema della IV Giornata mondiale dei nonni e degli anziani che la
Leggi di più

Master per manager del sociosanitario con Uneba Veneto e Univr

Master di primo livello in management dei servizi sociosanitari di Università di Verona e Uneba Veneto: al via
Leggi di più

Disturbi neurocognitivi, convegno Oic e Uneba Veneto

Costruire una buona prassi nella presa in carico dei disturbi cognitivi che sia condivisa tra tutti i servizi
Leggi di più

Anziani, cura, valori – Convegno Uneba a S.Giovanni Lupatoto, Verona

“Valori e valore nella cura della persona anziana – Etica e sostenibilità dei servizi, strategie di innovazione e
Leggi di più

Combinare sapore e benessere: la cucina per anziani alla Provvidenza

Mangiare bene è stare bene, la qualità dei pasti è qualità della vita. Il servizio di cucina è
Leggi di più

FVG – Retta Rsa, il contributo regionale salirà a 23,5 euro

Rette Rsa in Friuli Venezia Giulia, aumenta di 2 euro al giorno il contributo regionale per l’abbattimento della
Leggi di più

Crotone: gli enti Uneba garantiscono l’Adi, la Asp non li paga

Il servizio Adi (Assistenza domiciliare integrata) nella provincia di Crotone è vicino all’obiettivo del Pnrr di garantire prestazioni
Leggi di più

Regione Sicilia, Uneba nel Comitato per i servizi socio assistenziali

Predisporre schemi di convenzione, standard dei servizi socio assistenziali e piani di formazione del personale. Sono questi i
Leggi di più

Sponsor

zucchetti health care