Skip to content

Il 31 ottobre scade l’obbligo di mascherine in Rsa, salvo proroghe. Uneba consiglia comunque prudenza

Scade il 31 ottobre 2022 l’obbligo di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie (mascherine) nelle strutture sociosanitarie, socioassistenziali e sanitarie, sancito  dall’0rdinanza del ministro della salute Roberto Speranza del 29 settembre 2022.

Ancora non si hanno notizie certe riguardo ad una proroga o no dell’obbigo: deciderà il nuovo ministro della Salute Orazio Schillaci.

Uneba attende con fiducia le decisioni del ministro. Come in occasione della precedenza scadenza dell’obbligo di mascherina, invita, in linea generale, alla prudenza, e a mettere al primo posto la tutela degli anziani accolti nelle strutture sociosanitarie, che sono una delle fasce più fragili dell’intera popolazione italiana.

“Proteggere al massimo le persone fragili, come anziani e persone con disabilità, era e resta la nostra priorità – dice il presidente di Uneba Franco Massi-. Tutte le scelte partono da qui.
Fin dall’inizio della pandemia. Uneba ha sempre dato indicazione agli enti di rispettare scrupolosamente le norme, a tutela delle persone accolte. Ma consigliamo anche di affidarsi alla competenza dei direttori sanitari delle singole strutture: le diverse situazioni ambientali e le diverse tipologie di persone accolte possono suggerire scelte diverse. Ed è giusto che siano le direzioni sanitarie a valutare. Scegliendo, ad esempio, di raccomandare l’utilizzo delle mascherine al personale e ai visitatori, la cui presenza è assai importante per il benessere psicofisico degli anziani.
In generale, suggeriamo grande prudenza, ed un controllo in più – purché non vessatorio!- anziché uno in meno.
Sarebbe facile per noi dare il ‘liberi tutti’, perché ridurremmo l’impegno per il personale e daremmo prima soddisfazione ad alcuni famigliari, ma la nostra responsabilità è proteggere le persone che ci sono affidate. Sappiamo bene, per esperienza, quanto duramente il Covid può colpire anziani e persone con disabilità”

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Veneto – Accreditamento strutture sociosanitarie, avviso straordinario

Regione Veneto apre una procedura straordinaria di accreditamento per le strutture sociosanitarie: per il rilascio  a soggetti non
Leggi di più

Papa Francesco: non abbandonate gli anziani!

“Nella vecchiaia non abbandonarmi” è il tema della IV Giornata mondiale dei nonni e degli anziani che la
Leggi di più

Master per manager del sociosanitario con Uneba Veneto e Univr

Master di primo livello in management dei servizi sociosanitari di Università di Verona e Uneba Veneto: al via
Leggi di più

Disturbi neurocognitivi, convegno Oic e Uneba Veneto

Costruire una buona prassi nella presa in carico dei disturbi cognitivi che sia condivisa tra tutti i servizi
Leggi di più

Anziani, cura, valori – Convegno Uneba a S.Giovanni Lupatoto, Verona

“Valori e valore nella cura della persona anziana – Etica e sostenibilità dei servizi, strategie di innovazione e
Leggi di più

Combinare sapore e benessere: la cucina per anziani alla Provvidenza

Mangiare bene è stare bene, la qualità dei pasti è qualità della vita. Il servizio di cucina è
Leggi di più

FVG – Retta Rsa, il contributo regionale salirà a 23,5 euro

Rette Rsa in Friuli Venezia Giulia, aumenta di 2 euro al giorno il contributo regionale per l’abbattimento della
Leggi di più

Crotone: gli enti Uneba garantiscono l’Adi, la Asp non li paga

Il servizio Adi (Assistenza domiciliare integrata) nella provincia di Crotone è vicino all’obiettivo del Pnrr di garantire prestazioni
Leggi di più

Sponsor

zucchetti health care