Regole comuni per l’utilizzo nei centri servizi per anziani (Rsa, case di riposo…) di sistemi automatici di preparazione delle dosi giornaliere di farmaci per gli ospiti.

Le fissa la Regione Veneto con la delibera della giunta regionale 1023 del 28 luglio 2021, pubblicata sul Bur del 10 agosto 2021, “Dispensazione delle terapie orali solide in dose unitaria presso i Centri servizi qualificati tali ai sensi della normativa regionale di riferimento”.

Le “Indicazioni tecnico-operative per l’introduzione all’interno dei Centri servizi (CS) di un sistema automatizzato di dispensazione personalizzata di terapie in dose unitaria”, approvate con la dgr 1023, stabiliscono tra l’altro:

  • cosa deve fare il Centro servizi per anziani che decide di dotarsi di questo sistema, a partire dagli elementi che deve prevedere la nuova procedura per i farmaci che l’ente deve predisporre
  • come cambia l’accordo contrattuale tra Ulss e Centro servizi se il Centro servizi utilizza il sistema automatizzato

Le “Indicazioni tecnico-operative” prevedono anche la possibilità che il sistema automatizzato presente in un Centro servizi prepari le terapie anche per gli ospiti di un altro Centro servizi del medesimo ente gestore e che fa capo alla stessa Ulss.

Gli enti in Veneto che già utilizzano sistemi automatizzati di dispensazione personalizzata di terapie, spiega la delibera, hanno 90 giorni di tempo per uniformarsi alle “Indicazioni tecnico-operative”. E’ questo il caso ad esempio della Fondazione Santa Tecla di Este, associato Uneba Veneto, che venerdì 15 giugno ha inaugurato il suo Armadio Farmaci Robotizzato  in grado di preparare fino a 60 buste monodose al minuto attingendo a 244 farmaci diversi.

Come evidenzia la Regione Veneto nel suo comunicato stampa, la delibera serve a rendere più sicura la dispensazione dei farmaci nei centri servizi: diventa praticamente impossibile, o rarissimo, l’errore umano. Inoltre, in questo modo si riduce di molto il tempo di preparazione delle terapie, liberando così tempo per l’assistenza infermieristica. Se a preparare le dosi singole di farmaci ci pensa anzitutto il sistema automatizzato, le infermiere e gli infermieri hanno più tempo per dedicarsi agli anziani. E non c’è cura migliore della relazione.

La delibera 1023 premia il lavoro che da oltre 2 anni Uneba Veneto porta avanti su questo tema, chiedendo alla Regione il via libera e le indicazioni per l’utilizzo, nel pieno rispetto della normativa regionale, di questi sistemi automatici come investimento in tecnologia che va a solo beneficio della qualità del servizio agli anziani fragili.