Skip to content

Esperti Uneba – Sequestrano il motorino a tuo figlio e nominano te come custode del mezzo. Cosa rischi?

Quando i figli si mettono alla guida di un motorino anche loro, ovviamente, devono rispettare, come gli automobilisti, il codice della strada. Altrimenti rischiano le sanzioni ivi previste, tra le quali anche il sequestro del motorino.

Tu sei il custode? Tua la responsabilità

Nel caso di sequestro del ciclomotore, spesso la polizia nomina, quale custode del mezzo, i genitori del minore, permettendo così alla famiglia di custodire il mezzo presso la propria abitazione e di non dover “spendere soldi” per la custodia presso un terzo (autofficina o garage). Tale agevolazione, tuttavia, comporta una forte responsabilità per il genitore-custode poiché se il ciclomotore si deteriora, o caso ben più frequente, viene utilizzato dal figlio o comunque da terzi, le conseguenze negative ricadono tutte sul custode, cioè sul genitore nominato.

"Solo un giro, uno solo"

Più precisamente il codice penale, all’articolo 334, perseguita la condotta del custode che "sottrae" o "deteriora" una cosa sottoposta a sequestro, anche amministrativo, allo scopo di favorire il proprietario di essa. La pena è della reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da euro 51 fino ad euro 516.E’ tipico esempio il genitore che, su insistenza del figlio, gli permette di usare, anche se “per una sola volta”, il motorino.

Se non vigili adeguatamente

Allo stesso modo viene sanzionata anche la condotta del custode che colposamente "agevola la sottrazione" della cosa. Ciò significa che se anche il genitore non concede espressamente al figlio l’uso del motorino, ma non vigila adeguatamente sulla custodia del ciclomotore e tiene una condotta superficiale e negligente, tanto da favorire la sottrazione del mezzo ad opera del figlio, commette comunque un illecito penale (art. 335 del codice penale) punito con la reclusione da fino a sei mesi o con la multa fino ad euro 309.

Se avevi vigilato bene, nessuna responsabilità

Pertanto il genitore, custode del motociclo sequestrato, potrebbe rispondere dei reati di cui agli articoli 334 o 335 del codice penale se volontariamente o negligentemente consenta l’uso di tale ciclomotore al proprio figlio. Diversamente, invece, se il mezzo viene sottratto alla vigilanza del genitore-custode eludendo ogni doverosa cautela che il genitore ha effettivamente posto in essere da questo, nessuna responsabilità gli può essere attribuita.

E chi guida il motorino sequestrato?

Una sanzione amministrativa, ai sensi dell’art. 213 comma del 4 Codice della strada,è comunque prevista per chi circola con un veicolo posto sotto sequestro.

avv. Paola Turri

Nessun commento ancora, aggiungi il tuo qui sotto!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

“Perche’ sono in Rsa?” – Bugie e verità, corso gratuito con Uneba Varese

“Perché sono qui in Rsa? – chiede l’anziana accolta da poco –  Quanto tempo devo rimanere? Che malattie
Leggi di più

Progetto di vita individuale per persone con disabilità – Corso Anffas

Ha il patrocinio di Uneba Veneto il corso di formazione gratuito “La progettazione individuale, personalizzata e partecipata per
Leggi di più

Il ricordo e la memoria nei percorsi dell’invecchiamento – Convegno

Sollecitare gli operatori che lavorano nei centri servizi per anziani a costruire percorsi di stimolo del ricordo e
Leggi di più

Don Gnocchi, Barbante confermato presidente

Don Vincenzo Barbante è stato riconfermato alla presidenza della Fondazione Don Gnocchi, ente associato Uneba, per il triennio
Leggi di più

Lombardia – Dgr 1513, Regole, Piano sociosanitario: slide di Marchesi

“RSA: le Regole di sistema Regionali, la DGR 1513 e il Piano Sociosanitario Regionale” è il titolo della
Leggi di più

Blocco delle rette Rsa in Lombardia: profili di illegittimità

Il blocco agli aumenti delle rette di compartecipazione dell’utenza per le unità d’offerta stabilito da Regione Lombardia è
Leggi di più

Divieto di fattura elettronica per le prestazioni sociosanitarie

Prorogato per il 2024 il divieto di fatturazione elettronica per i soggetti Iva che effettuano prestazioni sanitarie e
Leggi di più

Rsa necessaria, Rsa accogliente – Le Iene a Casa Simonetti

Una madre novantenne,  Teresa, e un figlio malato di Parkinson, Bruno, in condizioni economiche e sociali fragili. Non
Leggi di più

Sponsor