Skip to content

Esperti Uneba – Non c’è pace per il modello Eas

L’Agenzia delle Entrate è intervenuta con una terza circolare, la 51/E del 1 dicembre,a chiarire i numerosi dubbi sollevati dagli enti non profit in merito al modello Eas, che devono compilare e inviare, in via telematica, entro martedì 15 dicembre.

  • qui la nuova circolare
  • qui il comunicato stampa relativo 
  • qui il software per la compilazione del modello Eas

In precedenza l’Agenzia aveva impartito altre istruzioni con l’approvazione del modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini fiscali, la circolare 12/E del 9 aprile e la circolare 45/E del 29 ottobre (ne parlavamo qui e qui).

Ecco, in sintesi, i nuovi chiarimenti forniti dalla circolare 51.

Data di inizio attività

La data di inizio attività da indicare nel primo riquadro del modello può coincidere o essere posteriore alla data di costituzione dell’associazione. La “data di inizio attività” individua il giorno in cui è effettivamente iniziata l’operatività dell’ente, a prescindere dall’eventuale inizio di attività commerciale con apertura di partita iva.

Agevolazioni legge 398/91

Gli enti associativi che hanno optato per il regime agevolativo previsto dalla l.398/91, diversi dalle associazioni pro loco, devono presentare il modello Eas. L’esonero riguarda solo ed esclusivamente le pro loco che abbiano optato per la l.398/91.

Associazione che riscuote quote deve spedire l’Eas

Gli enti associativi che si limitano a riscuotere quote o contributi associativi, quindi anche in assenza di attività commerciale ancorchè marginale, sono tenuti alla compilazione del modello Eas. L’esonero riguarda solo le associazioni di volontariato, considerate onlus di diritto ex art. 30, comma 5, dl 185/08, qualora non svolgano attività commerciali diverse da quelle marginali individuate dal dm 25 maggio 1995.

Patronati

I patronati che non svolgono al posto delle associazioni sindacali promotrici attività proprie di quest’ultime non devono compilare il modello Eas.

Associazioni combattentistiche e d’arma, federazioni sportive

Le associazioni combattentistiche e d’arma iscritte all’albo tenuto dal Ministero della difesa possono compilare il modello in maniera semplificata come previsto al paragrafo 1.3 della circolare 45/E, ovvero compilando il primo riquadro e solo i n.4), 5), 6), 25) e 26) del secondo riquadro. Trattasi delle associazioni quali: Ass. Nazionale Carabinieri, Ass. Nazionale Finanzieri d’Italia, Ass. Nazionale Marinai, etc.. Le Federazioni sportive nazionali riconosciute dal Coni possono assolvere all’adempimento della compilazione del modello Eas in modo semplificato, come previsto al paragrafo 1.3 della circolare 45/E.

Donatello Ferrari

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Disturbi neurocognitivi, convegno Oic e Uneba Veneto

Costruire una buona prassi nella presa in carico dei disturbi cognitivi che sia condivisa tra tutti i servizi
Leggi di più

Anziani, cura, valori – Convegno Uneba a S.Giovanni Lupatoto, Verona

“Valori e valore nella cura della persona anziana – Etica e sostenibilità dei servizi, strategie di innovazione e
Leggi di più

Combinare sapore e benessere: la cucina per anziani alla Provvidenza

Mangiare bene è stare bene, la qualità dei pasti è qualità della vita. Il servizio di cucina è
Leggi di più

FVG – Retta Rsa, il contributo regionale salirà a 23,5 euro

Rette Rsa in Friuli Venezia Giulia, aumenta di 2 euro al giorno il contributo regionale per l’abbattimento della
Leggi di più

Crotone: gli enti Uneba garantiscono l’Adi, la Asp non li paga

Il servizio Adi (Assistenza domiciliare integrata) nella provincia di Crotone è vicino all’obiettivo del Pnrr di garantire prestazioni
Leggi di più

Regione Sicilia, Uneba nel Comitato per i servizi socio assistenziali

Predisporre schemi di convenzione, standard dei servizi socio assistenziali e piani di formazione del personale. Sono questi i
Leggi di più

Uneba: per la fragilità servono centri multiservizi e programmazione regionale

Il ruolo fondamentale del sociosanitario, ed in particolare degli enti non profit, nella servizi territoriali per le fragilità
Leggi di più

Settimana Sociale: curare i fragili è risanare la democrazia

“Al cuore della democrazia”, questo il tema della 50’ Settimana Sociale dei Cattolici in Italia svoltasi a Trieste
Leggi di più

Sponsor

zucchetti health care