Skip to content

Esperti Uneba – Nella separazione della coppia priorità resta la bigenitorialità

Dopo la riforma sull’affidamento dei figli minori in caso di separazione della coppia (sia coniugi che semplici conviventi) nel nostro ordinamento vige il principio generale della bigenitorialità, tale per cui il giudice dovrà cercare di concedere l’affidamento congiunto dei figli ai genitori in fase di separazione, fatta eccezione per i casi in cui, ad un’attenta analisi, tale opzione risulti essere controproducente per i figli. In tali circostanze, infatti, è necessario optare per l’affidamento esclusivo dei figli ad uno solo dei genitori con l’eventuale diritto di visita da parte dell’altro.
Anche nei casi per cui non è possibile concedere l’affidamento congiunto dei figli ad entrambi i genitori, tuttavia, il giudice, nell’emettere il provvedimento che regola il rapporto genitori/figli, deve comunque tenere sempre in considerazione il legame che c’è tra il genitori ed i figli, e cercare il più possibile di favorire un riavvicinamento tra i due, sempre, ovviamente tenendo in primaria considerazione di quelle che sono le esigenze e le necessità del minore.
Sulla base di questi presupposti, pertanto, la Cassazione (Cassazione Civile, sezione I, 13.03.2009, n. 6200) ha riconosciuto ad una donna affetta da disturbi alimentari (anoressia), con particolari disturbi nel rapportarsi con terzi e con un difficile rapporto con il figlio ancora minorenne (lo stesso, infatti, si rifiutava di vedere la madre), il diritto di visita della madre. Seppur limitando gli incontri, da effettuarsi, peraltro, in un ambiente protetto quale l’abitazione dei nonni materni.
Con tale decisione, pertanto, la Corte ha voluto proteggere il legame naturale esistente tra il figlio e la madre (anche se allo stato fortemente compromesso), ritenendo che né il particolare stato patologico in cui versa la donna, né tantomeno il difficile rapporto con il figlio, possono giustificare una decisione tanto drastica quale quella di negare il diritto di visita di una madre con il proprio figlio, rischiando così di recidere completamente il fondamentale e naturale rapporto madre/figlio, e anzi limitando fortemente, in questo modo, la possibilità di ripristinare un rapporto sano tra i due.

avv. Paola Turri

Qui un altro approfondimento sul tema della bigenitorialità a cura delll’avv.Turri.

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Disturbi neurocognitivi, convegno Oic e Uneba Veneto

Costruire una buona prassi nella presa in carico dei disturbi cognitivi che sia condivisa tra tutti i servizi
Leggi di più

Anziani, cura, valori – Convegno Uneba a S.Giovanni Lupatoto, Verona

“Valori e valore nella cura della persona anziana – Etica e sostenibilità dei servizi, strategie di innovazione e
Leggi di più

Combinare sapore e benessere: la cucina per anziani alla Provvidenza

Mangiare bene è stare bene, la qualità dei pasti è qualità della vita. Il servizio di cucina è
Leggi di più

FVG – Retta Rsa, il contributo regionale salirà a 23,5 euro

Rette Rsa in Friuli Venezia Giulia, aumenta di 2 euro al giorno il contributo regionale per l’abbattimento della
Leggi di più

Crotone: gli enti Uneba garantiscono l’Adi, la Asp non li paga

Il servizio Adi (Assistenza domiciliare integrata) nella provincia di Crotone è vicino all’obiettivo del Pnrr di garantire prestazioni
Leggi di più

Regione Sicilia, Uneba nel Comitato per i servizi socio assistenziali

Predisporre schemi di convenzione, standard dei servizi socio assistenziali e piani di formazione del personale. Sono questi i
Leggi di più

Uneba: per la fragilità servono centri multiservizi e programmazione regionale

Il ruolo fondamentale del sociosanitario, ed in particolare degli enti non profit, nella servizi territoriali per le fragilità
Leggi di più

Settimana Sociale: curare i fragili è risanare la democrazia

“Al cuore della democrazia”, questo il tema della 50’ Settimana Sociale dei Cattolici in Italia svoltasi a Trieste
Leggi di più

Sponsor

zucchetti health care