Skip to content

Don Barbante nuovo presidente della Fondazione Sacra Famiglia

Don Vincenzo Barbante è il nuovo presidente della Fondazione Sacra Famiglia onlus, ente associato Uneba con sede principale a Cesano Boscone (Mi), ma molte sedi tra Lombardia, Piemonte e Liguria.Don Barbante sostituisce mons. Enrico Colombo, presidente da 22 anni.

Qui di seguito il comunicato ufficiale di Fondazione Sacra Famiglia.

DON VINCENZO BARBANTE NOMINATO NUOVO PRESIDENTE DELLA FONDAZIONE SACRA FAMIGLIA

Il 16 giugno 2011 si è insediato il nuovo Consiglio di Amministrazione per il quadriennio 2011 – 2014. Il Consiglio, nel corso della seduta, ha nominato nel novero dei Consiglieri designati dalla Fondazione Luigi Moneta il nuovo Presidente della Fondazione Sacra Famiglia Onlus nella persona di don Vincenzo Barbante.

Il nuovo Consiglio di Amministrazione della Fondazione risulta così composto:

Presidente: don Vincenzo Barbante

Consiglieri: don Luigi Caldera, Dr. Ennio Dinetto, Prof. Marco Grumo, Prof. Cesare Kaneklin, Dr. Giovanni Pavese, Dr.ssa Paola Pessina.

Don Vincenzo Barbante è nato ad Alzano Lombardo il 5 settembre 1958, è laureato in giurisprudenza ed è responsabile dell’ufficio amministrativo diocesano dal 1995. Succede a Mons. Enrico Colombo che ha guidato l’Istituto per ben 22 anni con passione e competenza, sapendo rinnovare l’Ente al passo con i cambiamenti della società e con le normative in materia socio-sanitaria e mantenendo inalterato lo spirito di cura, carità e attenzione verso gli Ospiti, che sono sempre rimasti al centro di ogni scelta e decisione.

Sotto il suo mandato la Fondazione ha vissuto alcune delle sue tappe più importanti: nel 1997 l’Ente ha abbandonato la veste giuridica pubblica di I.P.A.B. assumendo quella privata di Fondazione Onlus (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale). Sempre in quegli anni, anche grazie ai finanziamenti pubblici e della Fondazione Cariplo, è stata rinnovata la struttura di Regoledo (154 posti letto totali). A Intra è stato completato l’edificio San Francesco, poi è stato costruito l’edificio San Domenico, la sala polivalente, la casa Suore ed ampliato il reparto San Giorgio.

Ultimamente si è costruito il nuovo reparto San Giuseppe, inaugurato nel maggio 2009, mentre sono ancora in corso i lavori per rinnovare il reparto centrale Santa Maria Bambina. Ad Andora è stata rifatta la struttura Mare, è stato costruito il nuovo reparto Andora Monte e acquistata e rinnovata la residenza per disabili Villa Tibaldi, adibita a comunità alloggio. Nel 2000 ha avuto inizio l’attività di 2 nuove strutture: un centro residenziale per giovani con handicap gravi a Fagnano di Gaggiano (MI) e un centro diurno integrato per anziani a Cesano Boscone, Villa Sormani. Parallelamente è stato dato nuovo impulso alla formazione permanente del personale con l’apertura di un proprio Centro di Formazione: il Centro di Formazione Permanente Monsignor Luigi Moneta, costituitosi nel 1997.

Nella sede di Cesano Boscone si è invece realizzato il più grosso lavoro di rinnovo delle strutture: prima il San Giuseppe, il San Carlo e il San Luigi, e contemporaneamente, nel 2001 sono state realizzate le 5 Stelle, un complesso di 5 unità residenziali che accolgono complessivamente 300 Ospiti e offrono percorsi moderni e innovativi di assistenza e riabilitazione.

Nel 2008 infine ha avuto inizio il piano di delocalizzazione della Fondazione: l’idea è quella di aprire la “cittadella della disabilità” avvicinandosi ai luoghi dove i bisogni si manifestano, garantendo una vicinanza anche territoriale tra gli ospiti e la loro rete relazionale. Così nell’ottobre 2008 è stata inaugurata la filiale di Settimo Milanese, che accoglie oggi 170 ospiti tra disabili e anziani e poi è iniziata la collaborazione con le suore del Cottolengo che ha portato all’acquisizione da parte della Fondazione della struttura di Varese Casbeno. Nel 2009, in collaborazione con la Fondazione LISM (Lega Italiana Sclerosi Multipla) è stata aperta una struttura dedicata ai malati di  Sclerosi Multipla ad Inzago (MI).

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Imu enti non commerciali: scadenza domenica 30 giugno 2024

Il decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 24 aprile 2024 ha confermato l’obbligo dell’invio della dichiarazione
Leggi di più

Gentilezza verso gli anziani – Vince Fondazione Germani, associato Uneba Lombardia

Che volto ha le gentilezza nel nucleo Alzheimer di una Rsa? “Amare il prossimo, educazione, saper ascoltare, sorriso,
Leggi di più

Enti per minori: Uneba propone di costruire coordinamenti nelle regioni

“Ci lasciamo con l’impegno a cominciare a costruire nelle Regioni i coordinamenti, e poi un coordinamento nazionale”. Così
Leggi di più

Uneba lancia un’alleanza tra gli enti per il benessere di bambini e ragazzi

Creare un coordinamento degli enti per bambini e ragazzi in Campania, e poi in tutta Italia, per condividere
Leggi di più

Il convegno Uneba di Napoli su Avvenire

L’efficace azione dei centri diurni Uneba a Napoli; l’attenzione alle cura e  al rispetto del Centro Giovani di
Leggi di più

Le nuove Linee di indirizzo per le Comunità per i Minorenni

Sono le Linee di Indirizzo per l’accoglienza nei servizi residenziali per i Minorenni il cuore dell’intervento di Gianni
Leggi di più

Il Gruppo Crc per la tutela dei diritti dei minori

“Gli Enti del Terzo Settore come osservatorio diffuso per la tutela e per il monitoraggio dei diritti dei
Leggi di più

Tutela degli orfani di femminicidio: la normativa

In che modo la legge tutela gli orfani di femminicidio o di crimini domestici? Nel suo intervento di
Leggi di più

Sponsor

zucchetti health care