Skip to content

Convegno Uneba Massa – Noi del Terzo Settore chiediamo con forza più spazio alle istituzioni

Il Terzo Settore sociosanitario di Uneba chiede alle istituzioni ascolto, spazio, collaborazione, riconoscimento di parità. Per meglio progettare e programmare i servizi per le persone fragili, di cui gli enti del Terzo Settore spesso sono stati pionieri, esprimendo la sussidiarietà che anche la Costituzione riconosce.

E’ il messaggio emerso da “I nuovi scenari del welfare”, convegno di Uneba con Uneba Toscana, a Marina di Massa venerdì 28 ottobre e sabato 29 ottobre.

Chiediamo certezze alle istituzioni: certezze sui tempi, sulle norme, sui finanziamenti. – ha detto nelle suo intervento conclusivo  il presidente Franco Massi – Con orgoglio posso dire che noi di Uneba abbiamo credibilità verso le associazioni e le istituzioni: dobbiamo utilizzarla per trasmettere valore”

Nell’introdurre la prima giornata di lavori, dopo i saluti istituzionali, il presidente di Uneba Toscana Andrea Blandi ha evidenziato quanto ancora oggi il Terzo Settore è escluso dai processi decisionali nel settore sociosanitario, e spesso l’ente pubblico, nella pratica quotidiana, trattato da mero fornitore di servizi, che vanno a supplire alle mancata capacità dell’ente pubblico stesso. “Ma non è questa la nostra storia come enti Uneba!”, ha notato, E non è nemmeno quanto previsto dal legislatore.

Per questo, ha detto Blandi, è necessario occuparsi con impegno del tema della coprogettazione e cercare di essere protagonisti del cambiamento in corso. Operando anche come movimento politico e di opinione.

“E’ indispensabile unirsi tra enti” ha evidenziato Cristiano Gori, portavoce del Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza che proprio di questa unione è un esempio.  Unirsi e proporre, le due parole chiave. “Bisogna proporre all’amministrazione pubblica delle riforme ‘chiavi in mano’, pronte da adottare, grazie alla competenza  tecnica del Terzo Settore, che in Italia è un’arma politica potentissima”.

I risultati però possono non arrivare subito, come testimonia la poca risposta della Legge di Bilancio 2024 alle proposte del Patto.

“L’idea di poter iniziare già nel 2024 l’attuazione della riforma della non autosufficienza ormai è andata, anche se il viceministro Bellucci troverà delle risorse  .-ammette Gori-. La legge di bilancio è una battuta d’arresto, ma il processo di riconoscimento è per forza lungo: il settore dell’assistenza agli anziani è un settore estremamente giovane all’interno dell’assistenza”.

Nella ricerca di un necessario maggiore protagonismo per gli enti del Terzo Settore, conviene partire dalle buone pratiche territoriali, ha evidenziato invece Virginio Brivio (nella foto), coordinatore della commissione Pnrr di Uneba Lombardia. “Dobbiamo pretendere – ha detto- che nelle aziende sanitarie, a livello territoriale, si sottoscrivano gli accordi previsti da varie norme e che prevedono il coinvolgimento del Terzo Settore. E nei piani di zona della sanità e del sociale territoriale gli enti gestori dovrebbero essere presenti”.

“Ci siamo abituati a fare la coprogettazione: lo scatto culturale deve essere la coprogrammazione”, ha detto nel suo intervento Vanessa Pallucchi, portavoce del Forum nazionale del Terzo Settore. Una coprogrammazione che può estendersi dalla progettazione del servizio a uno sguardo sull’evoluzione della società. “Noi enti del Terzo Settore siamo competenti, e abbiamo un punto di osservazione che le istituzioni non hanno”.

“Noi enti non profit dobbiamo opporci alla logica delle gare d’appalto, che ci  mettono l’uno contro l’altro, e invece metterci insieme, per sederci dalla stessa parte del tavolo della politica”, ha detto Valentina Blandi nel suo intervento “Uneba protagonista dei cambiamenti di paradigma dell’operatività del Terzo Settore: obiettivi, iniziative, attività e strumenti”, in cui ha invitato a recuperare e offrire spazi di comunità, in opposizi0ne alla logica di mercato in cui siamo immersi, e a cambiare prospettiva, organizzandosi dal punto di vista del paziente e non del servizio, facendo del paziente un coproduttore del suo processo di salute.


No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Imu enti non commerciali: scadenza domenica 30 giugno 2024

Il decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 24 aprile 2024 ha confermato l’obbligo dell’invio della dichiarazione
Leggi di più

Gentilezza verso gli anziani – Vince Fondazione Germani, associato Uneba Lombardia

Che volto ha le gentilezza nel nucleo Alzheimer di una Rsa? “Amare il prossimo, educazione, saper ascoltare, sorriso,
Leggi di più

Enti per minori: Uneba propone di costruire coordinamenti nelle regioni

“Ci lasciamo con l’impegno a cominciare a costruire nelle Regioni i coordinamenti, e poi un coordinamento nazionale”. Così
Leggi di più

Uneba lancia un’alleanza tra gli enti per il benessere di bambini e ragazzi

Creare un coordinamento degli enti per bambini e ragazzi in Campania, e poi in tutta Italia, per condividere
Leggi di più

Il convegno Uneba di Napoli su Avvenire

L’efficace azione dei centri diurni Uneba a Napoli; l’attenzione alle cura e  al rispetto del Centro Giovani di
Leggi di più

Le nuove Linee di indirizzo per le Comunità per i Minorenni

Sono le Linee di Indirizzo per l’accoglienza nei servizi residenziali per i Minorenni il cuore dell’intervento di Gianni
Leggi di più

Il Gruppo Crc per la tutela dei diritti dei minori

“Gli Enti del Terzo Settore come osservatorio diffuso per la tutela e per il monitoraggio dei diritti dei
Leggi di più

Tutela degli orfani di femminicidio: la normativa

In che modo la legge tutela gli orfani di femminicidio o di crimini domestici? Nel suo intervento di
Leggi di più

Sponsor

zucchetti health care