Skip to content

Contratto Uneba – Posso dare le dimissioni durante il periodo di aspettativa?

Un dipendente è in aspettativa fino al 31 dicembre 2011.

Il 30 novembre 2011 ha presentato le dimissioni.

Può farlo, o il preavviso va dato solo durante il periodo di lavoro?

Può farlo, ribadisce la segreteria Uneba, perché il ccnl Uneba non richiede che il preavviso venga dato in servizio.

L’articolo 72 del contratto nazionale Uneba stabilisce nel dettaglio i termini di preavviso per dimissioni che variano a seconda del livello di inquadramento, da 15 giorni a 3 mesi.

Ovviamente anche il dipendente in aspettativa deve rispettare questi termini.

Nella parte riservata del sito, in corrispondenza di questa notizia, trovate nel dettaglio il caso esposto dal dipendente e la risposta data da Uneba con il riferimento all’articolo 72.

53 Comments

  1. se durante l’aspettativa si rimane incinta come bisogna muoversi per la maternità?

    • Non è chiaro di che tipo di aspettativa si tratti. In ogni caso, nel momento in cui venga certificato lo stato di gravidanza, si rientra sotto normativa Inps. Se non vi sono le condizioni per una astensione anticipata, l’aspettativa in atto può andare avanti fino all’inizio dell’astensione obbligatoria. (a cura della segreteria Uneba)

  2. sono in aspettativa per adozione dovrei rientrare al lavoro a luglio, e possibile dare le dimissioni con 15 giorni di preavviso senza rientrare al posto di lavoro.
    contratto a tempo indeterminato.

  3. @riri

    Dare 15 giorni di preavviso senza riprendere più il lavoro non significa niente. Tanto vale dare le dimissioni con effetto immediato, chiedendo nella stessa comunicazione di essere esonerati dal preavviso, considerata l’aspettativa in corso.

    In sostanza, il preavviso serve per dare tempo alla controparte di provvedere alla sostituzione senza perdere nel frattempo la prestazione; in difetto, a titolo risarcitorio il datore di lavoro avrebbe diritto a trattenere l’equivalente del mancato preavviso. Nel caso esposto, il danno non sussiste posto che è in corso una aspettativa .Il datore di lavoro ha già provveduto alla sostituzione.
    Cordiali saluti
    Uneba

  4. Salve! Sono in maternità obbligatoria e vorrei licenziarmi. Quanto tempo deve trascorrere da quando do le dimissioni? Devo aver finito la maternità obbligatoria per dare le dimissioni?in questo periodo ho accumulato ferie..mi verranno pagate o sono obbligata a farle? Grazie mille

  5. @lucia

    Lei può comunicare subito le Sue dimissioni all’Ente datore di lavoro, che avranno effetto immediato. Anzi il datore di lavoro dovrà corrisponderle l’indennità di preavviso secondo gli importi per livello indicati dall’art.71 del CCNL Uneba (come se fosse stato esso stesso a licenziarla). Inoltre dovrà liquidarle lo scatto di anzianità in corso di maturazione e le ferie arretrate.
    Cordiali saluti,
    redazione https://www.uneba.org

  6. Buongiorno
    Nell’articolo 66 è specificato che l’aspettativa può essere richiesta “per un periodo
    massimo di 6 (sei) mesi nell’arco della vigenza contrattuale e comunque con un limite non inferiore a tre mesi”.
    Avrei due domande:
    – l’espressione “nell’arco della vigenza contrattuale” cosa significa? I sei mesi devono essere all’interno della validità del contratto? Mi risulta che il contratto sia stato siglato a maggio 2013 ma che -stando alle ns banche dati- la validità contrattuale termina a dicembre 2012, quindi la vigenza contrattuale era già conclusa alla data di firma del CCNL;
    – il “limite non inferiore a tre mesi” significa che l’aspettativa dev’essere almeno di tre mesi e che quindi, ad esempio una richiesta di due mesi dev’essere rigettata a priori?
    Grazie
    Cordiali saluti

  7. @francesco

    Per il principio dell’ ultrattività, il CCNL, pur se scaduto continua ad essere vigente, quindi l’aspettativa può ancora essere richiesta.
    Il limite dei tre mesi è lì per coprire le spalle agli Enti di fronte a richieste di aspettative troppo brevi per consentire una sostituzione.
    Se questo problema non c’è, il datore di lavoro può rinunciare ad un suo diritto.
    Cordiali saluti
    Uneba

  8. Ringrazio per la risposta. Ne approfitto per un ultimo chiarimento: quando si parla di “UNA aspettativa […] per un periodo massimo di sei mesi […] nell’arco di vigenza contrattuale” questo significa che i lavoratori possono richiedere una sola aspettativa in tutta la durata del singolo rapporto di lavoro? Oppure con “vigenza contrattuale” si intende il contratto collettivo e quindi, in caso di rinnovo CCNL, il lavoratore potrebbe richiedere una nuova aspettativa? Resta inteso che i trattamenti di miglior favore sono consentiti, ma stiamo predisponendo un regolamento aziendale e vorremmo disciplinare una regola fissa che non sia in contrasto con la contrattazione collettiva.

  9. Gentile Francesco, le trasmetto la risposta di Uneba

    Per “vigenza contrattuale” si intende il CCNL nella sua vigenza e nella successiva prorogatio. Con un nuovo CCNL, il lavoratore potrebbe richiedere una nuova aspettativa. Sempreché in fase di negoziazione per il rinnovo non si venga a modificare l’art. 66.
    Tuttavia: il CCNL parla di “salvaguardia delle esigenze di servizio”,il che significa opzionalità del datore di lavoro.
    Difficile conciliare una discrezionalità con una regola fissa nel regolamento interno.
    Forse è bene limitarsi a dire che il lavoratore “potrà richiedere una seconda aspettativa” sotto il nuovo CCNL, ma l’Ente si riserva di valutarne la compatibilità con le esigenze di servizio.Evitare, intendiamo, qualsiasi automatismo.
    Cordiali saluti,
    Uneba

  10. Buongiorno,

    sono in aspettativa non retribuita e dovrei rientrare ad Ottobre; tuttavia vorrei presentare le dimissioni, in tal caso quali sono i miei diritti e doveri relativi al trattamento di fine rapporto? Il contratto è di apprendistato e a tempo indeterminato presso un gruppo bancario.

    Cordiali saluti,

    Erika

    • Gentile Erika,
      noi siamo Uneba, associazione di categoria di enti del settore sanitario e sociosanitario, e ci occupiamo del contratto Uneba, il nostro. Non ci permettiamo di dare indicazioni su contratti di altri settori. Cordiali saluti,
      Uneba

  11. Ah non avevo capito, grazie comunque

  12. Buongiorno avrei bisogno di un chiarimento. Attualmente mi trovo in malattia per un aborto subito e vorrei dare le dimissioni. Sono un secondo livello quindi dovrei dare due mesi di preavviso ma io non vorrei ritornare a lavoro. Ho letto che in caso di mancato preavviso il datore di lavoro può trattare un corrispettivo del mancato preavviso. Cosa significa? E cosa comporta nel mio caso dare dimissioni immediate? Grazie

  13. @paola.
    Anzitutto, ci dispiace per l’aborto.
    Per quanto riguarda il mancato preavviso: significa che il datore di lavoro ha titolo di trattenere dalle Sue competenze finali (TFR, ferie non fruite, altri diritti economici maturati ma non percepiti) l’equivalente di due retribuzioni mensili.
    Cordiali saluti,
    Uneba

  14. buongiorno. avevo un conttratto di 3 mesi livello 4 che scadeva fra un mese…mi sono dimessa..vorrei sapere quanti tempo di preavviso d
    ovevo dare…grazie.
    mary

  15. Buongiorno,

    Sono un livello 4. Vorrei dare le dimissioni ma non ho ben chiaro come funziona per i giorni di preavviso. Per il mio livello sono 25 giorni di preavviso. Se prendo dei giorni di ferie possono essere contati nei giorni di preavviso? e il sabato e la domenica? Inoltre, è esatto che se io do le dimissioni per esempio il 3 del mese, sono valide solamente dal 16 del mese?
    Ultima domanda. Se non rispetto i giorni di preavviso, in automatico avrò delle trattenute o sono a discrezione del datore di lavoro?

    Vi ringrazio

    Serena

  16. buongiorno,
    sono assunto da ormai 16 anni con contratto UNEBa. , terzo livello. L’azienda è disponibile a darmi un aspettativa anche di 12 mesi però dal contratto leggo che è massimo di 6 mesi. Ho chiesto l’aspettativa per l’avvio di una nuova esperienza lavorativa che sarebbe a tempo indeterminato.
    Altra cosa: quanto tempo prima si può chiedere l’aspettativa? c’è un limite minimo?
    Grazie

  17. Sono un medico specialista assunto a tempo indeterminato.mio figlio è nato nel luglio 2016 e mi scade la maternità facoltativa a fine settembre. Vorrei dare le dimissioni. Devo rispettare i 3 mesi di preavviso anche se sono in facoltativa?
    Grazie

  18. Buongiorno,
    sono un’insegnante di scuola primaria a tempo indeterminato in servizio da circa 26 anni.
    sono attualmente in anno sabbatico
    . posso presentare le dimissiono con decorrenza 1 settembre 2017? ci sono sufficienti giorni di preavviso?
    Grazie

  19. Buongiorno. Sono un o.s.s. con contratto a tempo indeterminato. Sono in aspettativa non retribuita perché sto ricevendo proposte di insegnamento. L’intenzione è dunque di dare le dimissioni. Ho tuttavia dei dubbi che i sindacati non riescono a risolvere. Faccio un esempio : il 25 ottobre compilo il modulo di dimissioni online presso un sindacato. Se il 26 ottobre ricevo una proposta di insegnamento posso accettare o devo aspettare la comunicazione del datore di lavoro all’unilav? Grazie

  20. Buongiorno vorrei un’informazione sono in aspettativa non retribuita (contratto bancari) sono rimasta incinta cosa succede ora, mi spetta la maternità oppure no?
    Inoltre una volta partorito entro l’anno del bambino mi dovrò licenziare, mi aspetterà la disoccupazione oppure no?
    Grazie mille Valentina

    • Buongiorno Valentina e auguri per la gravidanza, anzitutto. Noi pero’ siamo Uneba e gestiamo il contratto Uneba, che si applica in migliaia di enti di assistenza, non banche. Sulle regole e sull’applicazione del contratto bancari non ci permettiamo di intervenire. Non è a noi che deve rivolgersi!

  21. Salve, cortesemente volevo un informazione , mi sono licenziato e come preavviso devo dare i 30 giorni come da contratto uneba chiedevo che conseguenze ho se non finisco i 30 giorni richiesti …. grazie

  22. Buongiorno sono un.livello tre con contratto uneba ho fatto un colloquio dove avrebbero bisogno da subito, il mio contratto prevede un preavviso di 30 giorni e ho quindi proposto alla nuova azienda di attendere 15 giorni. Io mi sono sposata il 3 giugno scorso e quindi un anno non è ancora passato, devo lo stesso risarcire i giorni mancanti? Grazie per la risposta

  23. Buongiorno,

    avrei gentilmente bisogno di un chiarimento sulle dimissioni volontarie.

    Leggendo il CCNL Uneba non viene espressamente indicato se il preavviso, in caso di dimissioni volontarie, siano i giorni di lavoro effettivi o di calendario.

    Nel mio caso specifico, ho un contratto di apprendistato, livello 3°, e a breve dovrò presentare le dimissioni volontarie per le quali è richiesto un preavviso di 30 giorni. Sapete quindi indicarmi se sono giorni effettivi lavorativi o di calendario?

    Grazie in anticipo per un vostro aiuto!
    Chiara

  24. @chiara Le trasmetto la risposta della segreteria Uneba

    Si tratta di giorni di calendario che però debbono decorrere dal 1 o dal 16 di ogni mese. Se lei, per esempio, presenta la lettera di dimissioni il 13 del mese, dovrà indicare come ultimo giorno di servizio il 32° giorno dopo la data della lettera (30 giorni di dimissioni + 2 per arrrivare al 16

  25. Buongiorno Sono in aspettativa non retribuita fino al 31 luglio 2019 se volessi licenziarmi posso farlo avvisando l’azienda ospedaliera ma senza fargli i 60 giorni di effettivo lavoro perché rientrano nell’ aspettativa

  26. Buongiorno, sono stata assunta da una comunità per minori l’8 maggio 2019con scadenza contratto 7 agosto 2019 ,se volessi rassegnare le dimissioni di quanto sarebbe il preavviso?
    Grazie

  27. Salve , ho un contratto tempo determinato uneba fatto tramite agenzia dal 28/06 Al 30/07 come asa, 36 ore settimanali con periodo di prova di 3 gg. Ho fatto 28,29 e 30 giugno l’1 luglio ero di riposo.Ho richiesto di recedere dal contratto, mi hanno parlato però di dare 1 giorno di preavviso . È così ? Grazie

  28. Buongiorno,
    lavoro nel settore del commercio e attualmente sono in aspettativa non retribuita in quanto il mio compagno lavora all’estero e ci siamo trasferiti.
    La mia aspettativa finirà a fine gennaio 2020 ma vorrei anticipare il termine e dare le dimissioni.
    L’azienda mi richiede 20 giorni di preavviso lavorativi che non potrei effettuare in quanto non ho più nè la residenza (in quanto l’ho riportata nella mia casa di famiglia in altra regione) nè la casa vicina al luogo di lavoro. Mi è stato detto che non posso lavorare questo preavviso in un altro negozio vicino alla mia residenza. Leggendo altri messaggi in questo forum vorrei sapere se posso avvalermi anche io nella mia situazione di una richiesta formale in cui richiedo di essere esonerata dal preavviso di 20 giorni in quanto, essendo in aspettativa, non creo un danno all’azienda che ha già provveduto a sostituirmi a febbraio.
    Grazie.

  29. Salve, Sono un fisioterapista livello 3° S con contratto ma tempo indeterminato presso una cooperativa (contratto UNEBA) dal 1-4-2019 al 30-09-2019 sono in aspettativa per motivi di salute di un familiare senza retribuzione; ora io vorrei dare le dimissioni e chiedo se sono in tempo utile e poi vorrei chiedere che motivazioni devo indicare nella domanda di dimissioni ed eventualmente chiedere alcune indennità che potrebbero spettarmi.
    Cordiali saluti

    • Buongiorno, non c’è alcun termine per dare le dimissioni, quindi può darle quando vuole. Utilizzi la raccomandata A/R. Fissi una data di cessazione facendo in modo che tra la data della raccomandata e la data di cessazione intercorra almeno 1 mese (di calendario, non lavorativo). Indichi come debbono esserLe recapitate eventuali competenze di fine lavoro (non ce ne sono, ma Lei dica “eventuali”). Non deve fornire nessuna motivazione.
      Grazie, Uneba

  30. Salve io dovrei prendere aspettativa x problemi personali ,lavoro in una casa di riposo come OSS ….se dovessi rimanere incinta nel periodo di aspettativa posso percepire maternità? Lavoro da sei anni in questa struttura

  31. Salve,
    lavoro da 4 anni come ausiliario specializzato in una RSA privata con contratto a tempo indeterminato.
    Vorrei chiedere al datore di lavoro di concedermi l’anno sabbatico per poter lavorare per circa sei mesi (eventualmente prorogabili) per conto di un ospedale pubblico, in qualità di OSS (sono in possesso del relativo attestato).
    Il fatto che io non abbia 5 anni di servizio impedisce al datore di lavoro di concedermi l’anno sabbatico?
    Il fatto che io andrei a svolgere un lavoro nella sanità può essere considerato concorrenziale, nonostante si tratti di un ente pubblico?
    È vero che durante il periodo di aspettativa non si potrebbero svolgere altri lavori, mentre durante l’anno sabbatico si può?
    Grazie anticipatamente

  32. Salve. Sono una fisioterapista con contrato a tempo indeterminato in una RSA. Per problemi con la direzione vorrei dare le mie dimissioni senza preavviso. In questo momento sono in ferie obbligate , e non vorrei rientrare. A partire da quando posso dimettermi per non tornare al lavoro? Quali sono le penali? Grazie

  33. salve, sono un infermiera assunta con contratto uneba tempo pieno , determinato. mi dovrebbe scadere fine maggio. io non vorrei rinnovarlo. in questo caso mi tocca di dare il preaviso o basta aspettare la scadenza del contratto e basta?

  34. Sono in aspettativa senza retribuzione fino al 3 ottobre, impiegata tempo indeterminato contratto trasporti e spedizioni, se voglio licenziarmi prima della scadenza della aspettativa cosa devo fare e quanti giorni devo dare??

  35. Buongiorno sono un infermiera inquadrata 3 s con contratto uneba.. vorrei chiedere L aspettativa di 12mesi per un incarico a tempo determinato di un anno nell’asl.. non so se me la vogliono dare
    1.sarebbe un mio diritto o L’azienda può a discrezione sua scegliere se darmela o meno?
    2. Quanto preavviso avrei dovuto dare con il mio inquadramento? Mancano 25 giorni all inizio dell eventuale altro incarico
    Grazie mille

  36. Buongiorno,
    Devo dare le mie dimissioni, ho un contratto a tempo determinato (cat. 3).
    Ho letto che nel mio caso dovrebbero essere 30 giorni, se ne dessi solo 20 (ho trovato un altro lavoro) mi sarebbero trattenuti solo i soldi di quel periodo, giusto?

  37. Salve sono oss ,volevo fare aspettattiva non retribuita per motivo personale, volevo sapere se si può fare.

  38. Salve sono una fisioterapista in aspettativa non retribuita da ottobre 2020 e fino ad ottobre 2021 per incarico a tempo determinato in una azienda pubblica, contratto uneba 3s a tempo parziale 30 ore settimanali. L’azienda pubblica mi ha comunicato che vorrebbero assumermi a tempo indeterminato quindi ho rassegnato le mie dimissioni dando 10 giorni di preavviso. Essendo io in aspettativa e non causando nessun disguido all’azienda quest’ultima potrebbe comunque farmi pagare i 20 giorni di preavviso non dati?
    Trovo una sciocchezza dover dare il preavviso essendo io già stata sostituita.

  39. Salve, dopo 50 giorni dall’inizio di un contratto la cui durata è di 5 mesi, quanto dovrei dare di preavviso per dimettermi anticipatamente? Grazie

  40. Salve, sono oss con contratto part time
    Mi hanno chiamato per un avviso pubblico e devo dare le dimissioni.
    Non voglio dare spiegazioni del perché del licenziamento, quanti giorni devo dare di preavviso per andare via senza problemi?
    Nel caso di non poter dare il preavviso, quanti soldi dovrei corrispondere alla cooperativa, considerando che ho ore non riscosse in banca ore e ferie non godute?

  41. Buongiorno , lavoro come OSS (fascia 4S) presso una casa di cura per anziani (RSSA) a tempo indeterminato.
    Siccome ho ricevuto una proposta di lavoro migliore, qualche giorno fa ho dato le dimissioni volontarie dando un preavviso di 25 giorni al mio attuale datore di lavoro.
    Casualmente, nei 25 giorni giorni previsti di preavviso mi sono stati dati 15 gg di ferie (come da piano ferie da lui già stabilito un mese fa).
    Il mio datore di lavoro, dopo aver ricevuto le mie dimissioni mi ha detto di non poter accettare il mio preavviso di 25 gg perché va dato in presenza lavorativa e non quando sono in ferie (cioè secondo lui i 25 gg devono essere tutti lavorativi in presenza mentre nel mio caso i 25 gg di preavviso contengono i 15 gg di ferie come da piano ferie assegnato da lui stesso un mese fa). Vorrei sapere, pertanto, se il preavviso bisognava darlo in presenza lavorativa oppure può comprendere i 15 gg di ferie che mi erano già stati assegnati dal mio datore di lavoro prima delle mie dimissioni volontarie.
    In attesa di una vostra risposta, porgo Cordiali Saluti.

  42. Salve ho un po le idee confuse, ho fatto la domanda ata e a breve mi chiameranno, attualmente lavoro in un istituto paritario livello 6s e vero che se do le dimissioni non percepisco il tfr?

  43. Buongiorno. Sono stata assunta con un contratto a tempo determinato un mese fa , con 60 giorni di prova. Vorrei sapere, cortesemente, il preavviso con quanti giorni lo posso dare? Grazie

  44. Buongiorno, mi chiamo Cariello Donato e sono un Infermiere ho un problema con l ultima società con la quale ho collaborato, ho inviato le mie dimissioni il giorno 27/09/21 con ultimo giorno di lavoro il 20 di ottobbre!

    Sono a conoscenza che per il mio livello debba dare 30 gg, sono consapevole che mi toglieranno dalla liquidazione i 10 gg ( cosa che hanno fatto)

    Ma in aggiunta mi hanno anche trattenuta una copisqua somma con la voce ” mancato preavviso”
    Il contratto in merito cosa dice??.. Sto cercando ma non riesco a trovare nulla

    Grazie mille in anticipo

    Cordiali saluti Donato Cariello

  45. Sono infermiera a tempo indeterminato, attualmente in congedo retribuito straordinario L104.
    Vorrei dare le dimissioni per la pensione opzione donna.
    È possibile dare il preavviso di 3 mesi facendolo coincidere con 3 mesi di aspettativa?
    Cioè continuare ad usufruire del congedo durante il preavviso?
    I

  46. Vorrei sapere quanti giorni di preavviso posso avere se mi voglio dimettere da un posto di lavoro come OSS a una Casa famiglia…sono stata assunta il 12 luglio 2021 con il contratto determinato fino al 31 dicembre 2021 poi dal 01 gennaio 2022 con contratto indeterminato? Grazie

  47. Buongiorno. Se ho comunicato le mie dimissioni a maggio (ad esempio) ma le mie ferie sono state accettate ad aprile per maggio io posso fare lo stesso le ferie durante i giorni di preavviso di dimissioni?

  48. Salve
    L’azienda mi mette in aspettativa non ritribuita, tutti gli anni da giugno a metà settembre.
    Perché lavoro in una mensa scolastica.
    Se mi dovessi licenziare devo dare i 15 giorni di preavviso?

  49. Buongiorno Io ho un contratto Uniba di un anno sono inquadrato al quinto livello 38 ore settimanali mi sono licenziato senza preavviso dopo aver subito un infortunio mi hanno trattenuto 25 giorni dallo stipendio possono farlo


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Exposanità – Convegno sull’assistenza territoriale con Uneba

All’interno di Exposanità – “Ci sta a cuore chi cura” 23esima edizione della manifestazione internazionale al servizio della
Leggi di più

Record di centenari da Guinness – Il 4 maggio il tentativo a Padova

Sabato 4 maggio 2024 alla Civitas Vitae di  Padova il più grande raduno di centenari al mondo, da registrare
Leggi di più

Minori – Convegno Uneba a Napoli il 14 e 15 giugno 2024

“Il futuro delle giovani generazioni – Le sfide nel lavoro educativo e di cura” è il titolo del
Leggi di più

Convegno nazionale di Pastorale della Salute con Uneba

Si svolge a Verona dal 7 al 15 maggio il XXV  convegno nazionale della Pastorale della Salute della
Leggi di più

Forum Non Autosufficienza 2024 a Milano con Uneba

Uneba, con le sue proposte e i suoi esperti, è protagonista al Forum della Non Autosufficienza  e dell’autonomia
Leggi di più

Uneba all’Università di Trieste: raccontiamo i nostri valori

Si fa sempre più stretto il rapporto di Uneba con le Università, ed aumentano le collaborazioni. Sabato 13
Leggi di più

Buone pratiche – Lasciti solidali al Terzo Settore, l’esempio di Casa della Serenità

Un sito tutto dedicati ai lasciti testamentari solidali e un convegno di sensibilizzazione sul tema: è l’iniziativa dell’associato
Leggi di più

La cura dei fragili – Uneba Lombardia con l’Arcidiocesi di Milano

Uneba Lombardia, con il presidente Luca Degani, interviene all’incontro “Pratica della cura, legami territoriali e patto sociale” parte
Leggi di più

Sponsor