Approvato all’unanimità il bilancio consuntivo 2021 di Uneba.

Il via libera è arrivato dal consiglio nazionale Uneba riunitosi, sia in presenza che in videoconferenza, giovedì 30 giugno 2022, dalle 11.

I revisori Giulio Pisani e Angelo Garavaglia hanno presentato la loro relazione al bilancio.

A ottobre 2021, dopo il congresso nazionale, c’è stato il cambio di tesoriere, con il passaggio da Alessandro Baccelli a Matteo Sabini.

Parte dell’avanzo di bilancio 2021 sarà dedicato a un rilancio nel 2022 dell’attività convegnistica. Nel 2022 Uneba ha già svolto il convegno di Varese sull’Alzheimer e a ottobre ci sarà il convegno di Pesaro su “L’innovazione al servizio della fragilità”.

Ad aprire il consiglio nazionale era stata la relazione del presidente Franco Massi sui principali eventi e le principali azioni di Uneba negli ultimi mesi: dall’incontro con mons.Matteo Zuppi, prima vescovo di Bologna e poi presidente della Conferenza Episcopale Italiana all’attesa del disegno di legge delega sulla non autosufficienza, con le proposte in tema presentate assieme al Patto per la non autosufficienza.

Tra gli altri temi trattati nel consiglio nazionale:

  • i rapporto con la politica e le istituzioni e il futuro del settore sociosanitario, con gli interventi di Alessandro Palladini, Elisabetta Elio, Amedeo Prevete, Franco Falorni
  • aggiornamento sulle collaborazioni con Agespi, Anaste e Aris
  • aggiornamento sul dialogo con i sindacati, con intervento di Ernesto Burattin
  • la partecipazione di Uneba a Fondazione Samaritanus, con l’intervento di Marco Petrillo
  • il convegno nazionale Uneba in programma a ottobre a Pesaro, con interventi di Giovanni Di Bari, Giuseppe Guaricci, Fabio Toso.

La consigliera Paola Cattin ha presentato il libro da lei curato “Mi ricorderò per sempre” (ed.Dapero) che raccoglie le testimonianze di lavoratrici e lavoratori degli enti Uneba Lombardia su come hanno vissuto i mesi peggiori della pandemia.

Ha chiuso il consiglio, dopo circa 2 ore di lavori, il breve intervento del presidente onorario Maurizio Giordano.